La Via Campesina chiede una mobilitazione globale


(Harare, 4 aprile 2019)

Questo 17 aprile – Giornata internazionale della lotta contadina – abbiamo ancora negli occhi la ribellione dei nostri 19 contadini senza terra uccisi impunemente nel massacro di Eldorado do Carajás in Brasile.

Facciamo appello ai nostri membri, amici e e agli alleati di unirsi con azioni forti in tutto il mondo, affermando che l’unico modo per ottenere i diritti dei contadini è con una riforma agraria e la giustizia sociale.

Il 17 dicembre 2018, la 73a Sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York ha adottato la Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei Contadini e di altre persone che lavorano nelle aree rurali.

Questa dichiarazione è uno strumento giuridico internazionale. Come Via Campesina dobbiamo mobilitarci per la sua effettiva attuazione nei nostri territori, e questo implica che lo Stato garantisca l’accesso alla terra, la protezione delle sementi contro la loro privatizzazione selvaggia, porre fine sfratti alle espulsioni e alle morti nei campi, nonché creare misure contro gli agro tossici

La giustizia sociale significa che coloro che nutrono il mondo devono vivere in condizioni dignitose e in pace nelle campagne, senza essere perseguitati per la loro lotta a difesa dei loro diritti e territori.

Nell’attuale contesto di allarmante velocità con cui le terre vengono sottratte con la forza alle. popolazioni rurali, l’urgenza della Riforma Agraria si rivela strategica. A maggior ragione questa riforma è rilevante dal momento che l’offensiva neoliberista nel mondo intero è accompagnata dalla perdita dei diritti della classe operaia oltre che , dei contadini.

È per questo che il 17 aprile ci mobilitiamo e chiediamo lotta e resistenza in tutti i territori. Invitiamo anche altri movimenti sociali organizzati, sindacati, università, media che sono dei solidali con i movimenti contadini e governi che danno priorità al benessere della propria gente a unirsi a noi nelle azioni di solidarietà in tutto il mondo.

I diritti dei contadini non possono essere sostituiti da politiche pubbliche basate sull’interesse del mercato globale e dell’agrobusiness. Denunciamo questo modello che non solo ci emargina . , ma si appropria anche dei nostri diritti, beni comuni e vite, in nome della produttività e per lo sviluppo del sistema capitalista nelle campagne.
Quindi, uniamo campagne e città per i diritti contadini, la sovranità alimentare e l’agroecologia, globalizzando la lotta e la speranza delle persone che resistono a questo modello di morte.

COSCIENTE mobilitazione sociale!

Questo # 17 aprile partecipa alle molteplici azioni organizzate in tutto il mondo, organizza azioni nei territori sotto forma di proteste, forum di discussione, seminari, mercati contadini proiezioni di film. Usa uno qualsiasi di questi modi per chiedere l’attuazione dei diritti contadini, la riforma agraria e la giustizia sociale.

Durante questa giornata di Azione Globale, diciamo ad alta voce che un’urgente Riforma Agraria globale garantisce i diritti dei contadini e denunciamo la concentrazione della terra nelle mani di poche persone.

(grazie a Gregorio Pizzini e Antonio Onorati per la traduzione e a Gabriele Barrocu per la locandina in italiano)