United Colors of….e bavati!

All’indomani del crollo del ponte Morandi a Genova si sono accesi i riflettori sulla concessione della gestione delle autostrade italiane. Dietro il paravento del gruppo Atlantia c’è la holding Edizione Srl che fa capo alla famiglia Benetton e che controlla l’affare autostrade tramite la società Sintonia. Parlammo di Benetton anche per il ramo tessile dell’azienda grazie ad un articolo scritto dal GAS Cosenza che prendeva in esame  l’acquisto di 900.000 ettari di terre (come acquistare l’isola di Cipro o poco meno della Giamaica) per 50 milioni di dollari nella Patagonia argentina. L’operazione non si è limitata all’acquisto dei terreni ma è proseguita con il tentativo di espulsione, spesso violenta, del popolo Mapuche che in quell’area ha sempre dimorato. Questa in estrema sintesi, sono stati scritti interi libri, la storia delle nefandezze perpetrate dal gruppo appartenente alla famiglia Benetton. 

In questi giorni su un importante social network gira un post pubblicitario a pagamento della famosa azienda tessile che ha scatenato un putiferio di commenti.

 

Da una parte chi prende di mira l’azienda per le questioni etiche che abbiamo brevemente sintetizzato sopra:

 

 

Dall’altra chi la butta sul razziale:

 

Una valanga d’insulti che ci restituiscono uno spaccato sull’utilizzo dei social network e del livello culturale del nostro amato paese.

MALANOVA VOSTRA!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: