IL “BUILD BACK BETTER” AMERICANO. PER UN NUOVO CICLO DI ACCUMULAZIONE CAPITALISTICA*

Gli Stati Uniti costituiscono un’abissale anomalia tra i suoi pari economici quando si tratta di programmi di protezione sociale. Consideriamo, ad esempio, il congedo parentale retribuito. Secondo un’indagine sui sistemi di congedo parentale condotta sui 41 membri dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) e dell’Unione Europea, gli Stati Uniti sono stati l’unico paese a non imporre una sola settimana di congedo parentale retribuito. Ha anche infrastrutture sull’orlo del collasso, strade e ponti fatiscenti, sistemi idrici ed energetici inadeguati.

Per specifiche ragioni storiche e politiche, gli Stati Uniti non hanno mai sviluppato uno stato sociale di tipo europeo. Tuttavia, dall’elezione del presidente Joe Biden, e grazie alle pressioni dell’ala progressista del Partito Democratico, sono state introdotte proposte di legge per colmare alcune evidenti lacune. In particolare, il disegno di legge sul cosiddetto Build Back Better – espressione molto utilizzata in inglese e che letteralmente significa “ricostruire meglio” – si concentra su un lungo elenco di programmi sociali che aiuterebbero a colmare il divario degli Stati Uniti con i loro pari liberal-democratici in fatto di programmi di protezione sociale. Ciò aiuterebbe, tra l’altro, anche a combattere la crisi climatica. Ma i cosiddetti democratici moderati (in realtà, schietti conservatori di destra) al Congresso si sono opposti a tali politiche progressiste fin dal primo giorno e minacciano di far saltare il banco, perdendo così un’opportunità tangibile per trasformare le priorità federali e allontanare la società statunitense dalla sua tradizionale mentalità da “cane mangia cane”.

Nell’intervista rilasciata a C.J. Polychroniou, apparsa sulla piattaforma indipendente “TRUTHOUT” e che di seguito proponiamo, Noam Chomsky analizza il dibattito in corso al Congresso sui capitoli di spesa dell’amministrazione Biden che deve fare i conti con gli interessi delle lobbies che ruotano intorno ai democratici e, dunque, con le difficoltà a realizzare le riforme sociali e contro il cambiamento climatico.

* * * * * * *

C.J. Polychroniou: Noam, più di due decenni dopo la “fine [del] welfare come lo conosciamo”, i democratici hanno la possibilità di rimodellare la rete di sicurezza del paese e colmare il divario con i pari liberal-democratici degli Stati Uniti sui programmi di protezione sociale, come oltre a combattere la crisi climatica. Tuttavia, in uno sviluppo forse piuttosto sorprendente, sembra che gli elementi ostruzionisti all’interno del Partito Democratico si assicureranno che gli Stati Uniti rimangano un notevole outlier tra i paesi sviluppati non avendo un importante stato di assistenza sociale. In effetti, Joe Manchin, uno dei senatori democratici che ostacolano l’approvazione del disegno di legge sulla riconciliazione, ha affermato che gli Stati Uniti non dovrebbero trasformarsi in una “società del diritto”. Come valuti tutto il dramma al Congresso intorno ai 3,5 trilioni di dollari in infrastrutture, programmi sociali e lotta alla crisi climatica, e cosa ci rivela tutta questa esperienza sullo stato della politica statunitense nell’era post-Trump?

Noam Chomsky: Purtroppo non è post-Trump. La mano pesante dell’ex presidente Donald Trump non è stata alzata. Possiede la base elettorale sempre più radicalizzata del Partito Repubblicano. La leadership si intrufola nel suo palazzo di Mar-a-Lago per implorare la sua benedizione, e i pochi che osano alzare la testa li fanno mozzare rapidamente.

I Democratici di destra (denominati erroneamente “moderati”) seguono per le loro ragioni. Questi non sono difficili da discernere in alcuni casi: non è una grande sorpresa che un barone del carbone che è il principale beneficiario del finanziamento dei combustibili fossili del Congresso (Manchin) dovrebbe proclamare lo slogan “non eliminazione” dell’industria dei combustibili fossili, o che un grande destinatario di donazioni dall’industria farmaceutica (Sen. Kyrsten Sinema) dovrebbe trattenere le riforme dei prezzi dei farmaci disperatamente necessarie. È normale in un sistema politico impantanato nella corruzione.

Ma il marciume è più profondo.

È stato spesso osservato che gli Stati Uniti hanno un sistema politico a partito unico – il partito degli affari – con due fazioni, democratici e repubblicani. In passato, la fazione repubblicana tendeva ad essere più dedita alle preoccupazioni della ricchezza estrema e del settore aziendale, ma con il risorgere della guerra di classe unilaterale chiamata “neoliberismo” sotto il presidente Ronald Reagan, la leadership si è spenta le rotaie. Ormai assomigliano a malapena a un partito politico in una democrazia funzionante.

Dagli anni del defunto presidente Jimmy Carter, i Democratici non sono rimasti molto indietro, diventando un partito di professionisti benestanti e donatori di Wall Street con la classe operaia consegnata al loro acerrimo nemico di classe.

Una delle affermazioni vere occasionali di Trump era che i repubblicani non avrebbero mai potuto vincere elezioni eque sui loro programmi effettivi. Riconoscendo questo, dalla strategia del sud del presidente Richard Nixon, il partito ha mobilitato elettori su “questioni culturali” – supremazia bianca, aborto, armi, famiglie patriarcali tradizionali, Dio (favorendo la varietà cristiana evangelica) … tutto ciò che non solleva il velo sul loro fedele servizio alla loro principale circoscrizione. In questo modo possono almeno rimanere in corsa, sfruttando le caratteristiche profondamente antidemocratiche del sistema elettorale con i suoi vantaggi intrinseci per la loro base elettorale in gran parte rurale.

Tutto questo e molto altro è stato ampiamente discusso altrove. Non abbiamo bisogno di approfondire qui. Si sta svolgendo nelle sale del Congresso proprio ora. La misura in cui gli Stati Uniti sono un “anomalo” ci fissa ovunque guardiamo, a volte in modi che rasentano l’oscenità. Prendi un congedo di maternità retribuito. Negli Stati Uniti: nessuno. Nel secondo paese più grande dell’emisfero, il Brasile: circa quattro mesi. Questo si aggiunge all’assistenza sanitaria universale, all’istruzione superiore gratuita e ad altri benefici pubblici che si trovano quasi ovunque.

A onor del vero, il Paese più ricco del mondo, con vantaggi ineguagliabili, non è il solo a negare il congedo retribuito alle neomamme. (Padri? Lascia perdere.) Agli Stati Uniti si uniscono le Isole Marshall, gli Stati Federati di Micronesia, Nauru, Palau, Papua Nuova Guinea e Tonga.

Recentemente un editorialista del London Financial Times ha scherzato sul fatto che se il senatore Bernie Sanders fosse in Germania, potrebbe candidarsi per la destra democristiana. Non solo una battuta, e non un commento su Sanders. Piuttosto, sul sistema socioeconomico che è stato creato nello stato a partito unico, drammaticamente nell’era della feroce guerra di classe a partire da Reagan.

Non è sempre stato così. Negli anni ’30, mentre l’Europa continentale soccombeva al fascismo, gli Stati Uniti aprirono un percorso verso la socialdemocrazia su un’ondata di attivismo sindacale militante, politica vivace e diversificata e un’amministrazione solidale. Anni prima, gli Stati Uniti avevano aperto la strada all’istruzione pubblica di massa, un importante contributo alla democrazia e alla giustizia sociale; L’Europa è rimasta molto indietro.

Negli anni precedenti, spesso non era troppo importante quale fazione del partito degli affari prendesse il potere. Negli ultimi anni lo è stato. Il protofascismo è in marcia.

Non è ironico che ora l’Europa sostenga una socialdemocrazia a brandelli mentre gli Stati Uniti declinano il protofascismo guidato da Trump, o che sotto Trump, il segretario all’istruzione ha cercato di smantellare l’istruzione pubblica, portando avanti i principi neoliberisti che sono alla base del forte definanziamento di pubblica istruzione finalizzata alla sua eliminazione. Tutto questo affonda le sue radici nelle dottrine “libertariane” di Milton Friedman, James Buchanan e altri esponenti di spicco del movimento, strettamente legato dalle sue origini all’attacco contro lo “sforzo” del governo da parte della desegregazione delle scuole.

Vale la pena ricordare che queste dottrine hanno avuto origine nell’aspra guerra di classe nell’Austria tra le due guerre, come abbiamo discusso prima. Sono adatti per la sua ripresa nell’era neoliberista.

Lo sforzo di Biden di avvicinare in qualche modo gli Stati Uniti alle norme umane di altri paesi dell’OCSE non è ancora morto, ma è stato praticamente neutralizzato dal Congresso. L’organizzazione repubblicana è fermamente contraria. Le sue linee rosse includono la conservazione in pieno del loro unico risultato legislativo sotto Trump, “l’US Donor Relief Act del 2017”, come Joseph Stiglitz ha definito la rapina all’ingrosso, che ha perforato un enorme buco nel deficit (per una “buona” causa, quindi OK). Per un’affascinante coincidenza, questo regalo di quasi $ 2 trilioni al settore molto ricco e aziendale è all’incirca lo stesso dei miseri resti del disegno di legge di riconciliazione di Biden (distribuito su 10 anni) che sono sopravvissuti a malapena all’assalto della destra.

Questa volta la “minaccia di deficit” non va assolutamente bene, come viene proclamato a gran voce. Non una buona causa questa volta. Destinatari sbagliati: poveri, lavoratori, madri e altri “non-persone”.

I progressisti dovrebbero rimanere contrari alla legge sulle infrastrutture se il Congresso si rifiuta di approvare la legge sugli ammortizzatori sociali nella sua versione originale?

È questione di tattica, non di principio. Questo non vuol dire che non sia importante. La scelta della tattica può avere conseguenze di vasta portata. Piuttosto, significa che non è facile rispondere. Ci sono molti imponderabili, non ultimo, come influenzerà le prossime elezioni. Negli anni precedenti, spesso non era troppo importante quale fazione del partito degli affari prendesse il potere. Negli ultimi anni lo è stato. Il protofascismo è in marcia. Peggio ancora, come abbiamo discusso altrove, stiamo avanzando verso un precipizio dal quale non ci sarà ritorno. Altri quattro anni di trumpismo potrebbero far pendere la bilancia.

Quale risposta alla domanda che sollevi ridurrà la probabilità di disastri imminenti? Non vedo una risposta facile. La questione potrebbe essere ormai controversa, con i feroci tagli al disegno di legge di riconciliazione.

Non ci saranno gravi conseguenze politiche se i Democratici perderanno la possibilità di rimodellare le priorità federali? Dopotutto, la maggior parte degli americani sembra sostenere il Build Back Better Act di Biden.

I repubblicani hanno perseguito una politica attenta e ben ponderata di mantenimento del potere come partito di minoranza dedito alla grande ricchezza e al potere aziendale. È stato apertamente annunciato dal più malvagio e politicamente potente della banda: il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell, ripetendo ciò che ha funzionato bene per la sua causa reazionaria durante gli anni del presidente Barack Obama (aiutato dal rapido tradimento di Obama nei confronti di coloro che credevano alla bella retorica su “speranza e cambiamento”).

Il fallimento degli sforzi di Biden per rimodellare le priorità federali avrà un terribile costo umano. Oltre a ciò, fornirà anche un’arma per la strategia McConnell di danneggiare il paese il più possibile e incolpare i democratici del risultato.

Finora, sta funzionando. Se funziona, con Trump e gli accoliti che tornano al potere grazie a questa malevolenza, saremo sulla buona strada per il protofascismo e per cadere dal precipizio. Il fallimento degli sforzi di Biden per rimodellare le priorità federali avrà un terribile costo umano. Oltre a ciò, fornirà anche un’arma per la strategia McConnell di danneggiare il paese il più possibile e incolpare i democratici del risultato.

Brutale, ma non stupido.

C’è un modo per respingere queste gravi conseguenze politiche? Non entro i confini del sistema politico profondamente corrotto e antidemocratico. L’unico modo che ha mai funzionato, e può funzionare ora, è la pressione popolare di massa – ciò che i potenti chiamano “i contadini che arrivano con i loro forconi”.

Trump è fuori ufficio da diversi mesi, ma la sua influenza tra gli elettori repubblicani rimane incrollabile. Cosa continua a guidare la folla pro-Trump?

Ne abbiamo discusso spesso in precedenza, e ci sono state approfondite ricerche da parte di scienziati sociali, in modo più convincente, secondo me, da Tony DiMaggio.

Non è solo Trump, anche se ha mostrato un vero genio nell’attingere a veleni che affondano nella storia e nella cultura contemporanea degli Stati Uniti, e nel dipingersi come “il tuo salvatore” – anche “il prescelto” – mentre ti pugnala alle spalle. Non è un risultato da poco per una persona con pochi talenti a parte l’imbroglio, la frode e l’uso della palla da demolizione per distruggere tutto ciò che non può rivendicare come proprio.

Ma non è solo Trump. Possiamo anche chiederci perché la strategia razzista del sud di Nixon abbia avuto successo, o il razzismo abbastanza palese di Reagan – nel suo caso, apparentemente sinceramente sostenuto. Possiamo chiederci perché l’aborto e le frodi con armi da fuoco hanno preso piede, o perché, di fronte a prove schiaccianti, segmenti di sinistra si uniscono all’estrema destra nelle campagne anti-vax, con enormi costi umani, o perché “più della metà dei sostenitori del presidente Trump [nel 2020] ha abbracciato la teoria della cospirazione QAnon di un anello satanico globale di pedofili che stava complottando contro il 45esimo presidente degli Stati Uniti”, che stava coraggiosamente cercando di salvare i bambini da “pedofili di spicco” come Biden, Hillary Clinton e altri Sospetti dello “Stato profondo”.

I segni del crollo dell’ordine sociale sono troppo numerosi e familiari per essere rivisti ancora una volta. In larga misura, può essere attribuito all’impatto della guerra di classe unilaterale e feroce degli ultimi 40 anni e più. Ci sono radici culturali e storiche più profonde. Non è solo il razzismo europeo degli Stati Uniti e la xenofobia è ancora più malevolo sotto alcuni aspetti. Un segno sono i cadaveri nel Mediterraneo, vittime della frenesia della dedizione dell’Europa a torturare i sopravvissuti ai secoli di distruzione dell’Africa.

Lo sforzo di svelare le radici di tali patologie non è una mera impresa accademica, e non solo queste. Possiamo aggiungere le patologie dei ricchi e dei potenti, compresi i deplorevoli che lanciano l’epiteto agli altri. Questi sono stati molto più consequenziali. Gli sforzi per comprendere hanno valore principalmente come guida all’autoriflessione e all’azione per trovare rimedi.

E rapidamente. La nostra strana specie non ha molto tempo da perdere.

* * * * * *

C.J. Polychroniou è un politologo/economista politico, autore e giornalista che ha insegnato e lavorato in numerose università e centri di ricerca in Europa e negli Stati Uniti. Attualmente, i suoi principali interessi di ricerca riguardano la politica statunitense e l’economia politica degli Stati Uniti, l’integrazione economica europea, la globalizzazione, i cambiamenti climatici, l’economia ambientale e la decostruzione del progetto politico-economico del neoliberismo. È un collaboratore regolare di Truthout e membro del Public Intellectual Project di Truthout. Ha pubblicato decine di libri e oltre 1.000 articoli che sono apparsi in una varietà di giornali, riviste, giornali e siti web di notizie popolari. Molte delle sue pubblicazioni sono state tradotte in diverse lingue, tra cui arabo, cinese, croato, olandese, francese, tedesco, greco, italiano, giapponese, portoghese, russo, spagnolo e turco. I suoi ultimi libri sono Optimism over despair: Noam Chomsky on capitalism, empire, and social change (2017); Climate crisis and global Green New Deal: the political economy of saving the planet (con Noam Chomsky e Robert Pollin come autori principali, 2020); The precipice: neoliberalism, the pandemic, and the urgent need for radical change (un’antologia di interviste con Noam Chomsky, 2021) e Economics and the leftinterviews with progressive economists (2021).

* * * * * *

*L’articolo, apparso originariamente con il titolo Chomsky: Build Back Better fiasco exposes how both parties serve corporate power, è stato tradotto dalla redazione di Malanova.

Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: