FOCOLAI COVID NEI CALL CENTERS: QUAL È IL RISCHIO DA PAGARE?

Ecco un altro frammento dell’inchiesta condotta dal Padrone di Merda – Cosenza sui call centers di Rende (CS). Questa volta un operatore prova a generalizzare l’analisi sull’emergenza Covid sul posto di lavoro disarticolando la narrazione ovattata proveniente dalle pagine della stampa locale fornendoci un punto di vista di chi quotidianamente è costretto a vivere l’ansia della scelta tra lavoro e salute a cause di politiche aziendali ben precise che privilegiano ancora il lavoro in presenza rispetto allo smart working. Una tendenza, quest’ultima, attualmente in calo in diversi settori produttivi visto i diversi vantaggi che genera al padrone far lavorare da casa il proprio dipendente: riduzione delle spese di energia elettrica, di internet e di gestione della sicurezza oltre a un conclamato aumento di ore lavorate (spesso gratuitamente) e della conseguenziale produttività.


Nel giorno in cui in Calabria si chiudono nuovamente le scuole come segno di totale fallimento della gestione pubblica dell’epidemia, mentre siamo ultimi nella classifica delle regioni per percentuale di somministrazione dei vaccini anti-Covid, attestandoci poco sopra al 5,84 in rapporto al numero degli abitanti, siamo qua a raccontare un episodio che potrebbe sembrare insignificante rispetto al panorama nazionale caratterizzato dai big data, ma non per questo non di interesse e di allerta per chi vive il territorio Rendese e più in generale quello Cosentino.

Alcune testate locali negli ultimi giorni titolano “possibile focolaio in un call center di Rende”, e anche se ormai tutti sanno cosa sono e cosa fanno i call center, vogliamo ribadire che il loro operato, gestito prevalentemente dagli operatori che ne sono il motore, consiste in attività di supporto e assistenza agli utenti quasi sempre per conto società terze in appalto.

Tale contesto lavorativo, nel corso dell’ultimo anno, è stato già segnalato più volte dai lavoratori come luogo di lavoro ad alto rischio contagio. Ciò perché è un contesto promiscuo, con grandi open space, con sale break condivise, dove in condizione normali centinaia di operatori di tutta la provincia si recano per lavorare su turni, seduti nelle loro mini postazioni a pochi metri gli uni dagli altri, per ore, interagendo con gli utenti tramite il mezzo della parola, per la quasi totalità del tempo. Chiunque direbbe che un tale posto di lavoro è ad altissimo rischio, semplicemente perché è risaputo che sostare per lungo tempo, accanto ad altri soggetti e parlando molto spesso ad alta voce, facilita di sicuro la diffusione del virus.

Ma a fronte di questa premesse, la domanda che dovremmo tutti porci sono:

1) un tale rischio è un prezzo giusto da pagare rispetto alla reale necessità di avere un lavoratore in presenza in azienda rispetto alla sua postazione in smart working da casa?

2) i lavoratori sono realmente consapevoli e concordi dei rischi/benefici, nell’accettare/condividere tali scelte?

Dopo un anno di pandemia, possiamo limitarci nel dare sempre e solo la colpa al virus? Alla sfortuna? O, forse, i lavoratori dovrebbero poter realmente autodeterminarsi nel momento in cui sono di fronte all’accettazione o meno di lavorare in presenza?

In conclusione, i lavoratori del comparto contact center del nostro territorio che prospettiva di futuro hanno? Quale sarà l’atteggiamento per evitare che tali episodi possano ripetersi? Cosa sta succedendo nelle altre realtà? Dobbiamo aspettarci altri casi simili, soprattutto a causa del dilagare delle varianti e dunque della più facile contagiosità? E, infine, quanta consapevolezza e influenza hanno nelle dinamiche e nelle scelte in questi luoghi di lavoro?

Credo che dovremmo tutti domandarci, chi pagherà tutto questo caos (in termini generali)? I drive-in da allestire? Le centinaia di tamponi da processare? Il personale sanitario coinvolto?

Per non parlare degli altrettanti tamponi che i dipendenti esclusi dagli screening faranno privatamente perché non presenti negli stessi giorni in cui i casi accertati erano in sede, ma presenti in altri giorni, con altrettanti soggetti che potenzialmente potrebbero essere contagiati e dunque contagiosi.

Print Friendly, PDF & Email

10 thoughts on “FOCOLAI COVID NEI CALL CENTERS: QUAL È IL RISCHIO DA PAGARE?

  1. Pingback: priligy sublingual

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: