COMUNI IN ROSSO E ASSISTENZA SOCIALE PRECARIA

Riceviamo e pubblichiamo la denuncia di lavoratrici e lavoratori nell’ambito dell’assistenza sociale presso il Comune di Cosenza. Anche in questo settore non si capisce come siano stati utilizzati dei fondi già inviati a tale scopo dal ministero. E nessuno paga…in tutti i sensi. La finanza creativa pervade le città e vediamo come I Padroni di Merda sono anche nelle istituzioni pubbliche che impiegano normalmente personale con contratti iper precari.

Dalle ore 8 di questa mattina, i lavoratori del Servizio sociale dell’Ambito socio-assistenziale n.1 di Cosenza sono in Piazza dei Brutii per chiedere un’interlocuzione con il Dirigente di Ragioneria preposto a dare informazioni circa il mancato pagamento delle spettanze relative a 8 mesi, da luglio 2020 a febbraio 2021. La decisione è stata maturata a seguito delle continue rassicurazioni da parte dell’Amministrazione e puntualmente disattese. Appreso che il Dirigente della Ragioneria non era in servizio, nessun rappresentante dell’Ammministrazione ha ritenuto opportuno ricevere i lavoratori o prodigarsi alla liquidazione di quanto dovuto dagli stessi. Si precisa che i compensi dei professionisti non gravano su Fondi Comunali ma rientrano in Fondi Ministeriali giá incamerati. Alla luce di ciò, gli stessi pretendono di avere risposte certe. Sembra impossibile che a Palazzo dei Brutii, in assenza del Dirigente di Ragioneria, nessuno sia in grado di portare avanti l’iter amministrativo.

Le Assistenti Sociali

Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: