di Asier Arias*

Non ci vuole un terremoto per abbattere un castello di carte: un peso in eccesso qui o una leggera corrente d’aria lì. Basta, in altre parole, un’eventualità. La pandemia COVID-19 non è stata l’eventualità per il castello di carte della nostra civiltà: le carte cascano già da mezzo secolo e lo fanno sempre più velocemente.


Dopo la crisi sanitaria causata dalla SARS-CoV-2, vivremo in un mondo di cui difficilmente possiamo vedere i contorni dal presente. Tuttavia, l’oceano di incertezza che le nostre società affrontano oggi finisce al limite di questa certezza: il nostro sistema economico ha superato i limiti biofisici del sistema terrestre ed entrambi collassano all’unisono.

Questa è una certezza che è difficile fare propria, in particolare per le istituzioni incaricate di legittimare il sistema socioeconomico dominante, quelle che modellano l’ortodossia politica, mediatica e accademica modellando il nostro ambiente culturale. Data la natura del quadro istituzionale da cui deriva, questa ortodossia può solo vivere voltando le spalle a detta certezza – o, al massimo, generare incantesimi per addolcirla.

Dopo la crisi sanitaria dovremo affrontarne un’altra: una crisi della civiltà. L’esaurimento dell’energia e delle risorse materiali, i cambiamenti climatici e la grave erosione della biodiversità si stringono la mano con l’esacerbazione della crisi del capitalismo globale. Dobbiamo essere fortemente consapevoli che la pandemia non è stata la causa della crisi economica nella quale stiamo iniziando ad entrare (cfr. V. G., Husson, 2020). In effetti, non stiamo nemmeno entrando in una nuova crisi, ma stiamo semplicemente approfondendo quella del 2008. La crisi dell’economia capitalista non è nuova, ma permanente. Sarebbe inutile ricorrere al nuovo coronavirus per cercare di spiegare la crescita anemica, la volatilità speculativa o i livelli stratosferici di debito caratteristici dell’ultima fase del capitalismo finanziario.

Il capitalismo globale è stato in grado di sostenersi con la respirazione assistita dopo il 2008 grazie all’incoraggiamento della Federal Reserve e, soprattutto, alla crescita dell’economia cinese. Oggi non ci si può aspettare nulla di simile. Le banche centrali inonderanno di nuovo generosamente i mercati finanziari, ma il livello degli investimenti nell’economia reale sarà persino inferiore rispetto a prima della pandemia. Pochi saranno sorpresi se la procedura verrà ripetuta, e ancor meno se il risultato ci sarà: le massicce acquisizioni di titoli finanziari e i bassi tassi di interesse non produrranno alcuna distribuzione, tra l’altro perché questa non è la loro missione. Queste misure stimoleranno ancora una volta la generazione del debito – che è ciò che le grandi banche si occupano – e continueranno ad attirare i principali agenti finanziari – che, contrariamente a quanto potrebbe suggerire il loro nome, non si dedicano al finanziamento di nulla, ma semplicemente alla speculazione.

Non è necessario avere una sfera di cristallo per prevedere cosa accadrà ai tassi di disoccupazione. E pioverà sul bagnato, perché questa perdita del potere d’acquisto della classe operaia avverrà dopo un decennio in cui si è spostato, tra la Scilla di un marcato deterioramento dei servizi pubblici e della copertura sociale e il Cariddi dei livelli insoliti di povertà.

Di fronte a questa realtà, ogni giorno più dolorosa per tante e sempre più persone, i mass media continueranno a usare nomi famosi per spiegare ancora una volta che qualsiasi deviazione millimetrica dall’ortodossia è una semplice cospirazione, che abbiamo vissuto tutti molto bene prima della pandemia e che ciò che desideriamo e di cui abbiamo bisogno è di ritornare alla normalità dopo di essa (cfr. ad es. Savater, 2020). Precisamente, a questi rispettabili commentatori, viene permesso di ignorare fatti come i dati prodotti della Banca di Spagna, prima della brusca frenata della nostra economia, dove si afferma che il 25% della famiglie spagnole vive al di sotto della soglia di povertà e ha trovato difficoltà a soddisfare i propri bisogni di base a causa della combinazione di insicurezza del lavoro, occupazione instabile e salari estremamente bassi.

Non neghiamo l’onestà dei nostri conduttori culturali. Quando rifuggono dai “luoghi comuni dell’anticapitalismo”, non ingannano i singoli con l’intenzione di evitare la devastazione ecologica e sociale dell’ultimo mezzo secolo, ma piuttosto per spostarsi verso “prospettive più ampie” (Arias Maldonado, 2018: 57). Siamo pienamente convinti della tua sincerità e onestà. Tuttavia, i dogmi che nutrono devono essere valutati secondo criteri molto diversi dalla probabilità dei loro sostenitori, vale a dire: la loro coerenza concettuale, la loro adeguatezza empirica e la loro funzionalità sociale. A questo punto non c’è molto altro da dire sui primi due; L’ultimo è, da parte sua, semplicemente letale: se non riusciamo a superare l’ortodossia culturale che questi dogmi configurano, saremo in guai seri, come società e persino come specie.

L’istituzione di questa ortodossia può essere fatta risalire al modo in cui le élite corporative hanno salvato un credo socio-economico diffuso senza successo durante la crisi degli anni ’70 e quella degli anni ’40 (cfr. Harvey, 2005). È un credo privo di basi empiriche, elegante in alcune sue formulazioni, incoerente in tutte e, soprattutto, molto conveniente per far rifluire il processo di accumulazione del capitale, incanalando la distribuzione del reddito nella giusta direzione verticale e resistere a tale crisi evitando qualsiasi tipo di eccesso socialdemocratico. Detto credo non è altro che il travestimento economico della dottrina morale del darwinismo sociale: secondo questo travestimento, gli interessi di tutta la società sono quelli della sua oligarchia economica, in modo che prendersi cura di loro equivale a prendersi cura del benessere sociale. “Eliminare” è la nozione dei capi dell’economia politica che si regge su quella dottrina morale: il paradiso ci aspetterebbe dietro l’angolo smantellando tutte le normative sul lavoro o sull’ambiente, tutte le politiche sociali, tutte le imposte progressiste e, in definitiva, tutte le forme di tassazione. L’eliminazione della stato sociale è quanto di meglio ci si possa aspettare perché tutto ciò che si ottiene con questa ipocrita beneficenza è “distorcere il mercato”, dispensando inutilmente briciole ai parassiti. In realtà, l’ideale consiste nell’eliminazione dello Stato stesso e, infine, di tutto ciò che ha un odore minimamente “pubblico” o “sociale”. E, come ha sottolineato Margaret Thatcher, la società non esiste: solo individui. L’essere umano non è un animale sociale, ma economico – nel senso più stretto del termine: il capitale. Solo gettandolo nella “libera” concorrenza sul mercato, solo trasformando tutto in un business l’economia funzionerà correttamente. In altre parole, e in sintesi, le società si muovono verso la felicità nella misura in cui riescono a materializzare i sogni delle loro élite economiche.

Miracolosamente, il nucleo dottrinale di questo credo è riuscito a sopravvivere a successive confutazioni (cfr. V. G., Herndon, Ash & Pollin, 2013; Krugman, 2020; Ostry, Loungani & Furceri, 2016; Stiglitz, 2017; 2019). A conti fatti, questa resilienza non è particolarmente sorprendente, dato l’intenso e ben finanziato attivismo nella sfera politica, accademica e mediatica della piccola frazione della società che ha monopolizzato quasi tutta la crescita anemica degli ultimi cinquant’anni. Quella campagna di pubbliche relazioni di successo ha trasformato la politica economica in una “tecnica” sostenuta da modelli presumibilmente radicati in teorie scientifiche consolidate. Secondo queste teorie, l’uso di quella tecnica avrebbe dovuto servire a distribuire prosperità. Dopo quarant’anni di esperimenti, i risultati sono inequivocabili: è riuscito a contenere l’inflazione, ma anche a rovinare i risultati sociali ed economici raccolti durante i Trenta Glorioso dal capitalismo controllato dallo stato.

La verità, tuttavia, è che i risultati erano noti in anticipo. La prima attuazione della dottrina ebbe luogo nell’anno della crisi petrolifera stessa. Il Cile è stato il primo argomento sperimentale. Milton Friedman si riferì all’esperimento iniziato con il colpo di stato del comandante in capo Pinochet come “miracolo cileno”. Non ha mai chiarito che cosa fosse esattamente quel “miracolo”, ma dopo quindici anni di utilizzo del Cile come laboratorio economico, il 45% della sua popolazione era sceso al di sotto della soglia di povertà. Il protocollo sperimentale era semplice: mettere il settore pubblico in mani private ed eliminare le politiche sociali. Il risultato dell’esperimento fu come previsto: in un paio di mesi i tassi di disoccupazione, che erano rimasti intorno al 3% durante il governo di Unidad Popular, raggiunsero il 20%. Il popolo cileno ha dovuto sopportare un disastro economico senza precedenti, ma gli investitori stranieri e le élite corporative hanno celebrato il miracolo. Il crollo fu tale che, per evitare che la debacle si consumasse, lo Stato dovette assumere il controllo di una parte dell’economia cilena considerevolmente più grande di quella precedentemente gestita dal governo di Unidad Popular (cfr. Ramonet, 2009: 36 -39; Sigmund 1984: 8).

Come indicato, gli anni ’70 furono testimoni di uno sforzo senza precedenti nelle pubbliche relazioni aziendali. Quella era l’epoca d’oro delle lobby, dei think tanks e dei comitati d’azione politica (CAP), il cui numero e magnitudo erano saliti alle stelle: durante quel decennio, il numero dei CAP americani è passato da meno di 90 a quasi 1.500. L’arena pubblica era invasa da propaganda in tutte le forme e le tre branche del governo con denaro e avvocati. La campagna ebbe successo: il decennio si chiuse con le sorgenti statali dei principali centri dell’economia capitalista nelle mani degli accoliti del credo. Tuttavia, lo Stato non è scomparso, come sosteneva il credo. Infatti, ad esempio, nonostante la retorica dell’amministrazione Margaret Thatcher sulla riduzione della spesa pubblica, non solo questa non è diminuita in relazione al PIL durante i suoi tre mandati, ma di fatto è aumentata (Eaton, 2013). I destinatari variavano, ovviamente: le élite industriali e finanziarie hanno celebrato la festa sovvenzionata dallo stato mentre la minimizzazione selettiva dell’intervento statale e “i tagli selvaggi nei programmi sociali hanno diffuso il panico nella nazione per l’imminente collasso sociale” (Chomsky, 1997). Lo smantellamento delle tracce “sociali” e “democratiche” dell’eredità socialdemocratica e il trasferimento nelle mani private dell’enorme settore pubblico britannico (trasporti, elettricità, gas, acqua, carbone, acciaio e un lungo elenco di società pubbliche vendute ben al di sotto il suo prezzo) hanno generato brindisi ed euforia nelle sale riunioni di grandi aziende mentre, per fare un esempio, la povertà infantile ha raggiunto livelli sconosciuti dalla Seconda guerra mondiale.

La pandemia di COVID-19 piomba sulle nostre società dopo quarant’anni di applicazione di queste ricette socioeconomiche e, per quanto strano possa sembrare, non è una coincidenza. Nelle parole di Fernando Valladares, direttore del gruppo di ecologia e cambiamento globale del CSIC, “dietro questa pandemia c’è la distruzione della natura”. Sarebbe sciocco tornare a quella “normalità non realizzabile” che “favorisce le pandemie, distrugge gli ecosistemi, causa i cambiamenti climatici, genera disuguaglianze sociali e si basa su un modello economico insostenibile” (Valladares Ros, 2020).

Il settore agroindustriale ha adottato una forma incompatibile con la stabilità della biosfera, non per motivi di efficienza materiale, ma per motivi cremastici. Questo è un fatto diffuso e ampiamente documentato (cfr., V. G., Bailey, Froggatt & Wellesley, 2014; Carrington, 2018; Herrero, 2013; Lymbery, 2017; Poore & Nemecek, 2018; Westhoek et al., 2014). D’altra parte, ci sono pochi dubbi sul legame tra questo modello agroindustriale e il crescente rischio di pandemie. Secondo Peter Daszak, scopritore dell’origine della SARS, circa 1,7 milioni di virus ci attendono in ecosistemi che non sono stati ancora rasi al suolo con i bulldozer per aprire lo spazio per la monocoltura intensiva. La deforestazione, la drastica semplificazione degli ecosistemi e la scomparsa di specie intermedie a scapito di questa “gestione” industriale di alcuni dei più ricchi bacini idrici della biodiversità del pianeta hanno reso una pandemia come quella attuale una questione di tempo. L’allevamento industriale, per il quale è stato progettato e mantenuto il sistema di “gestione”, ha inoltre la propria legna da ardere da gettare nel fuoco, poiché, come già dimostrato dall’influenza aviaria, dall’influenza suina e dalla stessa SARS, la zootecnia industriale si svolge in ambienti che dovrebbero essere descritti come “fabbriche di replicazione e mutazione del virus” (Korol, 2020). Il nuovo coronavirus non è emerso da nessun laboratorio militare (cfr. Andersen et al., 2020), ma alla fine da una rete globale di laboratori di idee economiche.

“Esternalità negativa” è il linguaggio che gli economisti usano per riferirsi agli effetti negativi dell’attività economica come questa pandemia o i cambiamenti climatici. [1] Pertanto, se vendo petrolio e lo comprate, la nostra transazione potrebbe essere favorevole per entrambi; ma quali effetti ha sul resto? Chi si prenderà cura di quegli effetti? Dove stanno andando gli epigoni di Hayek e Von Mises? A convincere un agente privato a pagare un altro agente privato per mitigare i disastri causati dalle mie eventuali fuoriuscite? Quale contratto privato regolerà i campioni delle emissioni? Quale “imprenditore” ci proteggerà dall’innalzamento del livello del mare? Quale degli eroi dei romanzi di Ayn Rand avrebbe speso un solo centesimo a finanziare per decenni la rete planetaria di gruppi di ricerca che non avrebbero mai potuto vendere nulla a nessuno ma che avrebbero potuto stabilire inequivocabilmente il legame tra il livello della linea di costa e quella delle ppm di CO2 nell’atmosfera?

Non dovremmo sottovalutare la capacità degli aderenti al credo di ottenere risposte a queste domande. La sua strategia di fronte all’esternalità climatica è stata quella di sottolineare che “se esiste, è un processo molto lento e il mercato ha sempre dimostrato nel corso della storia che è perfettamente in grado di adattarsi a questi tipi di sfide in modo efficiente». Ci troveremmo quindi di fronte a un semplice “problema artificiale” che i “socialisti di ogni genere” usano per “amareggiare le nostre vite” per conto delle “presunte generazioni future”, quindi faremmo bene a smettere di “strappare i nostri indumenti con lacrime di coccodrillo” per sciocchezze come questa e iniziare a pensare alla vera minaccia che incombe su quelle generazioni future: sistemi pensionistici pubblici inefficienti. Il nemico da sconfiggere è questo e non quello con cui opuscoli bolscevichi come Science o Naturecercano di terrorizzarci. “Questo è davvero denaro contante” (Huerta de Soto, 2018a). Questo temperamento intellettuale rende un dollaro qualcosa con una maggiore consistenza ontologica di un capodoglio ed è, ovviamente, preferibile in ogni caso a un litro d’acqua nel mezzo del deserto.

Adattarsi a questo tipo di posizione richiede almeno due cose: l’immaginazione e il disprezzo per le scienze naturali. [2] Per quanto riguarda il primo requisito, la letteratura ortodossa non solo abbonda di esaltazioni estenuanti dell’inventiva umana, ma dà anche l’esempio. Pertanto, alcuni ultra-ortodossi hanno persino immaginato utopie in cui diversi sistemi giudiziari privati ​​competono per attirare i clienti per illuminare il più profilato della giustizia con questo mezzo. La creatività di questi appassionati della libertà umana non dovrebbe essere valutata senza tener conto del fatto che, per loro, il culmine sta nella possibilità di affittare o, in alternativa, donarli per arricchirsi a spese del lavoro di coloro che non hanno altra scelta che obbedire. Per quanto riguarda il secondo requisito, indichiamo solo di sfuggita che forse una pandemia è un contesto altrettanto valido di qualsiasi altro per porre da una parte del fulcro le virtù della razionalità scientifica e dall’altra le abitudini intellettuali della maggior parte degli economisti. [3]

Lasciando da parte la finzione sociologica e le tautologie morali, possiamo passare dall’esternalità ecologica alla salute chiedendoci quale tipo di occasione di profitto ci avrebbe segnalato “il mercato” per indicare l’opportunità di interrompere praticamente tutte le transazioni che gli danno “vita” con misure di confinamento. L’indagine dei motivi per cui gli ospedali privati ​​licenziano i loro dipendenti nel bel mezzo di una pandemia ci allontana da queste interessanti disquisizioni metafisiche, ma giustifica con uguale equità l’incoerenza dei dogmi ortodossi.

La genesi della pandemia COVID-19 deve essere concepita come un “colossale fallimento del mercato”, come ulteriore risultato di quell’ideologia secondo la quale il processo decisionale deve essere posto nelle tirannie private governate dall’imperativo dell’accumulazione di capitale, tirannie ermetiche al controllo pubblico e immuni da ogni tipo di controllo democratico (cfr. Chomsky, 2020). [4] In questo modo, non solo dobbiamo ringraziare un modello agro-alimentare dominato dal logica profitto per la crescente probabilità di pandemie come quella che stiamo vivendo, ma, inoltre, dobbiamo ringraziare un sistema socioeconomico, dominato con la stessa logica, sul perché l’informazione su questa crescente probabilità è stata trascurata (cfr. Font, 2020a, 2020b): le informazioni non avrebbero potuto avere importanza per il mercato quando le sue implicazioni erano state poste sul lato dei costi e delle perdite rispetto al lato dei benefici (cfr. Chomsky, 2020).

Dopo questa pandemia, nessuna implementazione di una possibile riformulazione del credo neoliberista servirà ad affrontare un crollo della domanda come quello che sta arrivando: se la chimera anarco-capitalista era già sconcertante alle sue origini, oggi non ci sono parole per descrivere la sua mancanza di connessione con la realtà. Da parte sua, l’estensione del “Keynesismo per le élite” degli ultimi quarant’anni a un nuovo “Keynesismo per i poveri” potrebbe forse mantenere in vita il capitalismo per un paio di decenni, ma rovinerebbe sicuramente la biosfera. [5] Viviamo in un momento storico che richiede impegno politico e, senza valutare adeguatamente questi eventi, non può che smarrirsi in idilli regressivi o utopie irrealizzabili. “La crescita economica esponenziale e l’accumulo infinito di capitale sono finiti: non possono più continuare, nessun tipo di consumismo è compatibile con loro, quindi dobbiamo iniziare a pensare seriamente ai modi per costruire un sistema sociale anticapitalista” (Harvey, 2020).

Dopo la pandemia, faremmo meglio a orientarci sulla solidarietà dei lavoratori e la razionalità scientifica, piuttosto che sulla rivalità di mercato e la “razionalità” economica.

02.04.2020 | rebelion.org

* docente di filosofia, teoria della conoscenza e storia del pensiero alla Universidad Complutense de Madrid

Traduzione a cura della redazione di Malanova


Note:

[1] Federico Aguilera Klink, Joan Martínez Alier e José Manuel Naredo sono le tre grandi eccezioni dell’economia accademica spagnola a una tendenza endemica nell’area: la cecità alle scienze naturali. Sorvolando alcuni dei rudimenti elementari di questi, il primo ha recentemente evidenziato i motivi per cui espressioni come “esternalità negativa” sono completamente prive di significato (Aguilera Kilnk, 2020).

[2] Un terzo, sebbene facoltativo, sarebbe la fede: alcuni accoliti sembrano avere ragioni più che sufficienti per fidarsi che Dio non solo condivide il suo credo socioeconomico, ma in realtà “è con loro” (Huerta de Soto, 2018b: 181).

[3] L’editoriale dell’ultimo numero di febbraio 2020 della rivista Nature ha annunciato il suo impegno nel compito di riequilibrare la bilancia, riducendo gradualmente la distanza che oggi separa entrambi i piatti. Come è stato sottolineato, il compito è enorme, ma alcuni progetti iniziano a offrire moderati motivi di ottimismo. In Bunge (1982/2015) il lettore troverà un approccio preliminare alla natura di questa pausa.

[4] Ancora una volta, dobbiamo prendere cum grano salis quel gergo economico tra virgolette (cfr. Aguilera Kilnk, 2020). Chiariamo, d’altra parte, che la nozione di tirannia allude in questo contesto al fatto che le società private, “protagoniste [oggi] del processo economico e delle relazioni di potere” su scala nazionale e internazionale (Palazuelos, 2015: 64), costituiscono il tipo di organizzazione sociale più vicino all’ideale di un’autocrazia autoritaria mai concepita dagli esseri umani: le decisioni vengono prese da una piccola parte dei membri dell’organizzazione e nessuno di loro è espressione di un voto o una voce all’interno o all’esterno: le opinioni e gli interessi del lavoratore o del cittadino, per quanto interessati da tali decisioni, semplicemente non contano.

[5] Il padre del Forum di Davos ha quindi ragione: il capitalismo dal volto umano e dalla vestizione filantropica è, in effetti, l’unico “modello economico che ci permetterà di sopravvivere oggi” (Schwab, 2020). Ha ragione nel pronome in prima persona plurale, perché è l’unico modello compatibile a breve termine con la promessa della riproduzione della sua classe sociale e a causa della questione dei limiti di tempo è anche giusto l’avverbio di tempo: i commissari spesso non tengono conto della realtà biofisica quando pongono la domanda su dove collocare la prossima patch sul nostro sistema socioeconomico – e, naturalmente, Schwab non fa eccezione su questo punto.


Riferimenti:

Aguilera Klink, F. (2020) «Economía y medio ambiente: externalidades y fallos del mercado», Rebelión, 1 de abril.

Andersen, K. G., et al. (2020) «The proximal origin of SARS-CoV-2», Nature Medicine, 17 de marzo.

Arias Maldonado, M. (2018) Antropoceno. La política en la era humana. Barcelona: Taurus.

Bailey, R., Froggatt, A. & Wellesley, L. (2014) Livestock: Climate Change’s Forgotten Sector. Global Public Opinion on Meat and Dairy Consumption. London: Chatham House/The Royal Institute of International Affairs.

Bunge, M. (1982/2015) Economía y filosofía. Pamplona: Laetoli.

Carrington, D. (2018) «Avoiding meat and dairy is ‘single biggest way’ to reduce your impact on Earth», The Guardian, 31 de mayo.

Chomsky, N. (1997) “The passion for free markets”, Z Magazine, 10.

Chomsky, N. (2020) «Coronavirus: What is at stake?», DiEM25, 28 de marzo.

Eaton, G. (2013) «How public spending rose under Thatcher», NewStatesman, 8 de abril.

Font, M. (2020a) «Estamos alterando demasiado los sistemas naturales y entran en contacto con la especie humana virus que nunca lo habían estado», Público, 25 de marzo.

Font, M. (2020b) «Necesitamos una respuesta a nivel mundial. Hemos fallado en no tener un plan coordinado y deberíamos aprender», Público, 31 de marzo.

Harvey, D. (2005) Breve historia del neoliberalismo. Madrid: Akal, 2007.

Harvey, D. (2020) «Compensatory consumerism», Anti-Capitalist Chronicles, 2 de abril.

Herndon, T., Ash, M. & Pollin, R. (2013) “Does high public debt consistently stifle economic growth? A critique of Reinhart and Rogoff”, Cambridge Journal of Economics, 38(2), pp. 257-279.

Herrero, M., et al. (2013) “Biomass use, production, feed efficiencies, and greenhouse gas emissions from global livestock systems”, Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America, 110(52), pp. 20888-20893.

Huerta de Soto, J. (2018a) «Sociedades anarcocapitalistas», Xoán de Lugo, 10 de junio.

Huerta de Soto, J. (2018b) “Dios y el anarcocapitalismo”, Fe y Libertad, 1(2), pp. 171-183.

Husson, M. (2020) «Neoliberalismo contaminado», Viento Sur, 2 de abril.

Korol, C. (2020) «No le echen la culpa al murciélago», Página12, 3 de abril.

Krugman, P. (2020) Arguing with Zombies. Economics, Politics, and the Fight for a Better Future. New York: Norton.

Lymbery, P. (2017) Dead Zone. Where the Wild Things Were. London: Bloomsbury.

Ostry, J. D., Loungani, P. & Furceri, D. (2016) “Neoliberalism: Oversold?”, Finance and Development, 53(2), 38-41.

Palazuelos, E. (2015) “Las compañías transnacionales como el jugador principal de la Economía Mundial”, en E. Palazuelos (dir.), Economía política Mundial, Madrid: Akal, pp. 49-67.

Poore, J. & Nemecek, T. (2018) “Reducing food’s environmental impacts through producers and consumers”, Science, 360(6392), pp. 987-992.

Ramonet, I. (2009) La catástrofe perfecta. Crisis del siglo y refundación del porvenir. Madrid: Público.

Savater, F. (2020) «Cúnico», El País, 28 de marzo.

Schwab, K. (2020) «Covid-19: una prueba de fuego para el modelo de capitalismo de los grupos de interés», El País, 6 de abril.

Sigmund, P. E. (1984) “Chile. Free-market authoritarianism”, en R. G. Wesson (ed.), Politics, Policies, and Economic Development in Latin America, Stanford, CA: Hoover Press, pp. 1-13.

Stiglitz, J. E. (2017) «The globalization of our discontent», Project Syndicate, 5 de diciembre.

Stiglitz, J. E. (2019) «The end of neoliberalism and the rebirth of history», Social Europe, 26 de noviembre.

Valladares Ros, F. (2020) «Si no sanamos el clima, volveremos a enfermar», The Conversation, 2 de abril.

Westhoek, H., et al. (2014) “Food choices, health and environment: Effects of cutting Europe’s meat and dairy intake,” Global Environmental Change, 26, pp. 196-205

Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: