Um das Demonstrationsverbot durch die Verordnung zur Eindämmung des Coronavirus in Berlin zu umgehen, protestieren Aktivisten mit Aufklebern und Bannern auf ihren Autos für eine Aufnahme von Geflüchteten aus den Lagern auf den griechischen Inseln und fahren im Konvoi durch Berlin. Auf der Skalitzer Straße stoppen Polizisten die Fahrzeugkolonne, nehmen Personalien der beteiligten für Anzeigen auf und entfernen die Plakate von den PKW. [© Christian Mang - Veroeffentlichung nur gg. Honorar (zzgl. MwSt.), Urhebervermerk und Beleg. Konto: C o m d i r e c t B a n k, IBAN: DE66 2004 1133 0449 1395 00, BIC: COBADEHD001 - Nur für redaktionelle Nutzung. No model release / No property Release. Kontakt: mail@christianmang.com] [© Christian Mang - Veroeffentlichung nur gg. Honorar (zzgl. MwSt.), Urhebervermerk und Beleg. Konto: C o m d i r e c t B a n k, IBAN: DE66 2004 1133 0449 1395 00, BIC: COBADEHD001 - Nur für redaktionelle Nutzung. No model release / No property Release. Kontakt: mail@christianmang.com]

di Konrad Litschko, Katharina Schipkowski *

Germania. A causa della pandemia di Coronavirus, anche le manifestazioni sono vietate. Gli autonomi non vogliono cedere a questo e si stanno mobilitando per il 1° maggio.

Lunedì sulla linea ferroviaria di Münster, i circa 50 manifestanti hanno indossato maschere protettive e stavano a distanza di sicurezza l’uno dall’altro. I dimostranti usano la distanza di due metri per tenere in piedi gli striscioni, come mostrano le foto. “Fermare le spedizioni di uranio“, c’è scritto. La protesta si oppone al trasporto dei residui di uranio dalla fabbrica di Gronau in Russia. Poi il treno merci rosso sfreccia via. La polizia controlla ma lascia la protesta proseguire.

Così funziona: un raduno di protesta ai tempi del Corona. Fino al giorno prima, però, la questione era ancora in discussione a Münster. La città aveva inizialmente vietato l’incontro a causa dell’ordinanza sulla protezione contro la pandemia. Poi gli oppositori dell’energia nucleare hanno presentato un’istanza urgente al tribunale amministrativo e la città ha ceduto, ha permesso la protesta “a condizioni“.

Quindi anche ai tempi del Coronavirus non ci sono divieti di assemblea globali“, dice l’organizzatore della protesta Matthias Eickhoff. Ma allo stesso tempo la procedura mostra “quanta poca libertà di movimento democratico c’è attualmente”.

Si tratta di un equilibrismo che viene attualmente praticato in molti luoghi. Quanto è ancora possibile protestare ai tempi del Corona? A livello nazionale, le norme di protezione dalle infezioni vietano attualmente le riunioni. La domanda è: dove si fermano queste misure di protezione e dove inizia la libertà di riunione?

La frustrazione cresce

Finora in molti luoghi si sono rassegnati. Così le tradizionali marce di Pasqua del prossimo fine settimana, che quest’anno si sarebbero svolte per la sessantesima volta sono state già annullate. Invece che nelle strade, la protesta per la pace si svolgerà ora virtualmente. I partecipanti dovranno appendere bandiere della pace alle finestre di casa, cantare canzoni di protesta sui loro balconi e pubblicare foto e video della protesta su Internet.

Anche la protesta del Friday For Future è attualmente azzoppata. Attualmente solo i webinar mantengono il movimento e gli esperti parlano in videoconferenza. Il 24 aprile, Friday For Future vuole organizzare un grande “sciopero per il clima in rete“. Anche in questo caso, i cartelli dimostrativi devono essere affissi alle finestre o per strada e le loro immagini devono essere pubblicate su Internet. “Non stiamo diventando più silenziosi“, sarà lo slogan.

Ma la frustrazione cresce nel movimento, soprattutto per quanto riguarda il rigore con cui la polizia interpreta le ordinanze sul Coronavirus in materia di incontri.
Recentemente sono stati fatti alcuni tentativi per conciliare la protesta e le restrizioni di contatto, per esempio domenica durante le azioni di Seebrücke per l’evacuazione dei campi profughi in Grecia. In diverse città, invece delle dimostrazioni, si dovevano collocare simbolicamente delle scarpe o organizzare dei cortei di automobili, eppure i tribunali e la polizia hanno impedito molte delle azioni.

Siamo arrabbiati perché molte persone sono state punite con denunce o multe per una protesta legittima e tranquilla“, si lamenta la Seebrücke-Bündnis.
Dipingere con il gesso per le strade non è un crimine“. Anche l’Ordine degli avvocati repubblicani critica: “Il diritto di riunione è attualmente completamente abolito“.

Demos (manifestazioni n.d.r.), azioni decentrate e sui balconi

Ora, però, gli autonomi andranno in contrapposizione per il 1° maggio. Nel fine settimana a Berlino, un’alleanza di diversi gruppi ha annunciato: “Con la presente chiediamo un rivoluzionario 1° maggio 2020 a Berlino“. Anche e soprattutto ai tempi del Coronavirus ci sono “motivi più che sufficienti per scendere in strada“. Resta da chiarire solo il “come“: “Demos, azioni decentrate e sui balconi” – molte cose sono “immaginabili“. In ogni caso, una cosa è chiara: “Non permetteremo allo Stato di dettare con decreto autoritario le condizioni per il 1° maggio di quest’anno, né rinunceremo a tutte le misure di protezione“.

In effetti, il 1° maggio di quest’anno potrebbe essere un punto di svolta storico. I sindacati manifestano in questo giorno da decenni. Dagli anni ottanta, anche gli autonomi di Berlino, Amburgo e di altre città lo fanno, qui (a Berlino e Amburgo, n.d.r.) tradizionalmente con disordini più o meno grandi. Ma ora la pandemia potrebbe impedirlo per la prima volta. Già da ora, a causa del virus, gli incontri sono vietati a Berlino fino al 19 aprile e ad Amburgo fino alla fine di aprile. E non sono assolutamente escluse estensioni del provvedimento.

Due settimane fa, il DGB (Federazione Tedesca dei sindacati n.d.r.) ha già cancellato i suoi raduni nazionali per il 1° maggio. Il leader del DGB Reiner Hoffmann ha parlato di una “decisione storicamente unica“. Ha detto che è stata “una decisione presa con il cuore pesante“. Ma quest’anno, solidarietà significa “mantenere le distanze“. Anche Berlino ha reagito. Il Kreuzberg Myfest – un festival di strada con decine di migliaia di partecipanti, fondato per pacificare i disordini del 1° maggio – è stato cancellato per quest’anno. Il distretto (di Berlino n.d.r.) ha chiarito che non era possibile prevedere se le condizioni sarebbero migliorate dopo il 19 aprile.

La scena autonoma, tuttavia, reagisce in modo indeciso. L’appello a riunirsi il 1° maggio nonostante la pandemia è stato comunque fatto . Il rischio di contagio e le misure di protezione sono prese “molto seriamente“, annuncia la Berliner Bündnis.

La polizia di Berlino annuncia misure severe

Allo stesso tempo, però, l’attuale gestione dei rifugiati, la crisi climatica o la politica degli affitti hanno mostrato “quanto possa essere importante il mantenimento di un 1° maggio antagonista“. Per questo motivo, una grande manifestazione è pensabile anche quest’anno, ma con “maschere e guanti protettivi” e solo con un “adeguato appoggio“, secondo la Berliner Bündnis. Sono però possibili anche delle alternative, che sono ora in fase di valutazione.

La polizia di Berlino ha già annunciato che prenderà provvedimenti severi. Se il divieto di partecipare all’incontro continuerà a causa del virus, “saranno prese misure contro i partecipanti all’evento del 1° maggio“, ha dichiarato una portavoce della polizia al “taz”. Secondo la polizia sono attualmente programmati, un corteo della sinistra radicale con 3.000 partecipanti nel distretto di Grunewald e un grande raduno dell’AfD. Recentemente, la polizia di Berlino aveva già sgomberato diversi tentativi di protesta in città in base alla legge sulla protezione dalle infezioni. Chi ha protestato al divieto ha ricevuto sanzioni penali o amministrative.

Anche da Amburgo gli autonomi vogliono scendere in strada il 1° maggio.
Il capitalismo è la malattia“, è il motto della manifestazione. “Vogliamo dimostrare in ogni caso“, spiega Halil Simsek della Roten Aufbau. “L’unica domanda è come.” Un’azione più ampia è possibile la sera, collettivamente con maschere protettive.

I neonazisti vogliono dimostrare

Ci sono anche appelli di protesta contro una marcia neonazista in programma ad Amburgo, che lo Splitterpartei “Die Rechte”, guidato da Christian Worch, vuole organizzare con circa 400 partecipanti.
I neonazisti vogliono attenersi a questo piano. “Non c’è una cancellazione da parte nostra“, dice Worch al “taz”. La gestione della pandemia è “completamente esagerata”. Se le assemblee fossero effettivamente vietate il 1° maggio, verrebbero intraprese azioni legali contro di loro, ha detto Worch. “Intendiamo fare causa”.

Un portavoce della polizia di Amburgo ha spiegato che sono in attesa di sapere se il decreto generale sul Coronavirus sarà prorogato fino a maggio. Nelle condizioni attuali, tuttavia, dimostrazioni come quelle previste “contrasterebbero chiaramente il provvedimento”. “Sarebbe quindi impossibile controllare la protezione dalle infezioni“.

A Berlino, tuttavia, i partiti autonomi dichiarano che il 1° maggio è una questione di principio. Se si rinuncia anche alla dimostrazione annuale del 1° maggio, non sarà possibile alcuna protesta di rilievo, dicono. Lo Stato rimarrebbe quindi senza “critiche in strada“. Per gli autonomi questa è un’opzione difficilmente concepibile. Il loro annuncio: non sarà la politica o la polizia a decidere il 1° maggio, “ma noi stessi“.

* TAZ |06.04.2020

Traduzione di Peppe Guarascio e Chiara Levato

Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: