“CONDIZIONI DI VITA E REDDITO” secondo l’ISTAT

marchionne

Leggendo il Report 2015 dell’Istat “CONDIZIONI DI VITA E REDDITO”, strategicamente pubblicato il giorno dopo il ReferenZum,  si apprende che il 28,7% delle persone residenti in Italia sia a rischio di povertà o esclusione sociale”. Se la media nazionale è 1 persona su 4 quella del Meridione sale a quasi 1 su 2 (46,4%). Traducendo dai freddi numeri si stima che al Sud circa 20 persone su 100 hanno arretrati per mutuo, affitto, bollette o altri debiti, 17 su 100 Non riescono a fare un pasto adeguato almeno ogni due giorni, 30 su 100 non riescono a riscaldare adeguatamente l’abitazione. Il report evidenzia pure “che il 20% più ricco delle famiglie percepisce il 37,3% del reddito equivalente totale, il 20% più povero solo il 7,7%. […] Dal 2009 al 2014 il reddito in termini reali cala di più per le famiglie appartenenti al 20% più povero, ampliando la distanza dalle famiglie più ricche il cui reddito passa da 4,6 a 4,9 volte quello delle più povere”.
Dall’analisi di questo primo blocco di dati non può non saltare all’occhio il fossato sempre più profondo che si sta scavando tra NORD e SUD e tra RICCHI e POVERI.

Per far capire meglio la cosa:

Sergio Marchionne, manager, 54,5 milioni (150mila euro al giorno)

Mario Rossi, operaio,  25mila euro annui  (70 euro lordi al giorno)

Francesco Taldeitali, disoccupato, poche centinaia di euro al mese a nero (‘ncuna cosa s’addobba sempre)

MORALE:  a pila c’è ma è spartuta male! Nel Mondo di Sopra la crisi è sconosciuta.

ANALISI: voci di corridoio dicono che questa mappa reddituale e di esclusione sociale si sovrappone bene a quella di coloro che hanno votato NO al ReferenZum. Sarà vero?

Malanova vostra!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento