Cusenza Mmishkata, jucannu si vie vie

Quando eravamo bambini, giocavamo in campetti improvvisati, nei parcheggi all’aperto e sul ciglio delle strade. Ci scambiavamo cazzotti, pallonate e strette di mano, entrando in contatto con ragazzi di tutti i quartieri.
Poi arrivarono le playstation, internet, i campi sintetici e le scuole calcio. Alcuni di noi continuarono a giocare, altri smisero di farlo. Tutti abbandonarono i campetti impervi. Così si svuotarono tanti angoli della città. Ci svuotammo un po’ anche noi tutti, dentro.

Leggi tutto…..

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: