ONU: RISORSE IDRICHE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v80), quality = 82

La traduzione di un primo pezzo del rapporto dell’ONU sulle risorse idriche del pianeta. In questo momento di pandemia si è un po tacitata l’emergenza climatica ed ambientale che, al contrario, pare sia sottesa anche all’emergere di questi virus fortemente trasmissibili. In Europa i governi, Confindustria in Italia, parlano ancora una volta di investimenti, di sviluppo, di aumento del PIL per ripartire…la lezione non è stata ancora recepita.

In occasione della Giornata mondiale dell’Acqua del 22 marzo, l’ONU ha pubblicato il rapporto sullo risorse idriche.

Lo studio prova a leggere i cambiamenti climatici dal punto di vista della risorsa idrica. Gli effetti sulla disponibilità, la qualità e la quantità di acqua si faranno sentire nei prossimi decenni rendendo più difficile la gestione sostenibile della risorsa che è già sottoposta a pressioni importanti in diverse parti del mondo.

Nel corso degli ultimi 100 anni, l’utilizzo mondiale di acqua si è moltiplicato per 6 volte ed aumenta rapidamente dell’1% annuo in ragione della crescita demografica, dello sviluppo economico e dell’evoluzione dei consumi.

Associati ad un approvvigionamento ancora più irregolare ed incerto, i cambiamenti climatici aggraveranno la situazione di stress idrico di quelle regioni già interessate mentre lo creeranno ex novo in quei territori dove attualmente la risorsa è abbondante. I cambiamenti climatici si manifesteranno sempre di più, tra l’altro, attraverso l’aumento degli eventi climatici estremi.

La qualità dell’acqua si deteriorerà a causa della sua temperatura, di una quantità ridotta di ossigeno disciolto e di una più flebile capacità di autodepurazione dei corpi d’acqua dolce. Ulteriori rischi sono rappresentati dall’inquinamento delle acque e dalla contaminazione patogena causata da alluvioni e da concentrazioni più elevate di inquinanti durante la siccità.

Molti ecosistemi, in particolare le foreste e le zone umide, sono ugualmente danneggiati. Questa degradazione degli ecosistemi non influirà solo sulla perdita di biodiversità ma avrà conseguenze negative anche sulla fornitura dei servizi ecosistemici relativi all’acqua come il trattamento delle acque, la cattura e lo stoccaggio del carbonio, la protezione dalle inondazioni naturali e la fornitura di acqua per l’agricoltura, la pesca e il nuoto.

La maggior parte degli effetti del cambiamento climatico si concentreranno nelle regioni tropicali dove è la maggior parte dei paesi in via di sviluppo. Le Small Island Developing States (SIDS) sono particolarmente vulnerabili alle catastrofi e ai cambiamenti climatici, sia in termini ambientali che socioeconomici – e molti sperimenteranno un aumento dello stress idrico. In tutto il mondo, le terre aride dovrebbero espandersi considerevolmente. Lo scioglimento accelerato dei ghiacciai avranno conseguenze negative sulle risorse idriche nelle regioni montuose e le pianure che le circondano.

Sebbene le prove dell’influenza del cambiamento climatico sulla disponibilità e la distribuzione delle risorse idriche è in aumento, permangono dubbi soprattutto a livello di bacino locale e fluviale. Anche se i disaccordi sull’aumento delle temperature sono minimi – aumenti che sono stati simulati da diversi modelli di circolazione generale (GCM) in scenari specifici – le tendenze delle precipitazioni attese rimangono più variabili e ambigue. Le tendenze più estreme (più precipitazioni, calore, siccità prolungate) sono spesso più chiare se si rapportano alle precipitazioni annue totali e alle tendenze stagionali.

Nel quadro dell’Agenda 2030, l’acqua è un fattore di collegamento (spesso) trascurato pur essendo essenziale per raggiungere i vari obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS). A tal fine, la mancanza di adattamento ai cambiamenti climatici non crea solo rischi per il raggiungimento dell’Obiettivo 6 (obiettivo “sull’acqua”): compromette anche il raggiungimento della maggioranza degli altri Obiettivi. Anche se l’Obiettivo 13 – “Prendere misure urgenti per combattere i cambiamenti climatici e i suoi impatti”- comprende obiettivi e indicatori, in particolare, non esiste un meccanismo formale che colleghi l’Obiettivo 13 agli obiettivi dell’accordo di Parigi che porta a processi paralleli.

Sebbene l’acqua non sia menzionata a sé nell’accordo di Parigi, costituisce una componente essenziale della maggior parte delle strategie di mitigazione e adattamento. Quindi è chiaramente identificata come la prima priorità per le azioni di adattamento nella maggior parte dei contributi previsti e determinati a livello nazionale (INDC). Inoltre, lo è direttamente o indirettamente essendo collegata a tutte le altre aree prioritarie. Allo stesso modo, l’acqua è menzionata solo raramente nel quadro di Sendai stesso, anche se è menzionata in ciascuna delle priorità d’azione ed è al centro dei suoi sette obiettivi.

Le definizioni relative allo sviluppo, l’eliminazione della povertà e le sfide della sostenibilità sono strettamente legate alle sfide dell’adattamento ai cambiamenti climatici e alla mitigazione dei suoi effetti, in particolare e soprattutto attraverso l’acqua. Pertanto, l’acqua potrebbe costituire un collegamento tra gli stessi obiettivi in sé sia entro i quadri politici come l’accordo di Parigi.

Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: