DAL MUTUALISMO AL DUALISMO DI POTERE NELLO STATO DI EMERGENZA

di Woodbine*

La crisi della sanità pubblica da COVID-19 si sta rapidamente trasformando in una vasta e sfaccettata crisi senza fine della riproduzione sociale. Come possiamo cogliere questo momento per costruire un dualismo di potere?

Con la chiusura di aziende, scuole e innumerevoli altre istituzioni, milioni di persone stanno affrontando la perdita di reddito, alloggio e accesso alle risorse di sopravvivenza di base, compreso il cibo. Di fronte alla pressione popolare e allo spettro dei disordini civili, gli stati hanno iniziato a intraprendere misure d’aiuto, da “socialismo del disastro”, disuguali e spesso contraddittorie. Tuttavia, le condizioni di emergenza si stanno intensificando di ora in ora e l’attuale regime biopolitico affronta una crisi esistenziale.

In tali circostanze, la necessità di strutture auto-organizzate di mutuo soccorso, cura e resilienza non potrebbe essere più chiara. Nelle prossime settimane e mesi, scioperi dell’affitto e altri atti di rifiuto collettivo sono all’orizzonte. In che modo queste opere di mutuo soccorso possono confluire nella costruzione di un dualismo di potere? Con il collasso del sistema, le basi materiali di autonomia e solidarietà possono trasformare il nostro rapporto con lo stato?

A Woodbine – uno spazio autonomo con una struttura organizzativa mantenuta a New York sin dal 2014 – è ciò per cui ci stiamo preparando: mobilitare le nostre reti, competenze, conoscenze ed energia per coordinarci e provvedere vicendevolmente, costruendo contemporaneamente una capacità a lungo termine per affrontare un futuro incerto.

Organizzazione digitale

Sebbene la gravità della crisi COVID-19 non abbia precedenti nella memoria recente, molte persone a New York City sembrano preparate alla fase, come se stessero aspettando l’arrivo di una crisi di questa portata.

La scorsa settimana, Sandy Nurse, co-fondatrice del MayDay Space di Bushwick e candidata al Consiglio di New York City, ha twittato: “Gente del movimento: sappiamo come mobilitarci in modo rapido ed efficace. È ora di mettersi in formazione. Iniziamo subito la discussione e la collaborazione sui social network e gli hub locali su come potrebbe essere necessario un supporto diretto sicuro e che aspetto avrà il ridimensionamento e la collaborazione tra vicinato”. Abbiamo condiviso il suo post attraverso i nostri social media e abbiamo ricevuto risposte immediate da amici e sconosciuti che hanno cercato di collaborare.

Esperienze organizzate di comunità e di vicinato attivate di recente, si sono unite in un dilagare vertiginosa di coordinamenti online, dai post sui social media ai documenti di Google, alle riunioni di Zoom e alle discussioni su Signal (app di messaggistica istantanea, ndr). Proprio ieri, è apparso sul web un documento intitolato “Mutual Aid NYC” (mutuo aiuto a New York, ndr), dove centinaia di persone stanno organizzando piani per il mutuo soccorso autonomo e il soccorso in caso di calamità su base locale, luogo per luogo.

Questa valanga di discussioni online – dalle guide sulle risorse ai commenti “hot take” sui social media – mostra che ci sono molte intuizioni popolari su come affrontare la crisi. Rimane tuttavia da chiedersi chi, come, quando e dove verranno accolti questi inviti all’azione.

Eredità del mutuo soccorso

Esiste una lunga storia di mutuo aiuto che collega la fornitura di servizi con la costruzione del dualismo di potere. A New York, questo è stato guidato da organizzazioni come Black Panthers, Young Lords, ACT-UP e, negli ultimi anni, Occupy Wall Street. Oggi sono state istituite varie formazioni decoloniali e abolizioniste che prevedono un mutuo aiuto come Take Back the Bronx e New York Shut It Down, che sta già adattando il suo programma Feed the People (FTP) all’attuale crisi. Questi progetti di mutuo soccorso esistono insieme ad attività informali di interdipendenza, cura e sostegno che molte comunità già praticano quotidianamente. Ora, i newyorkesi stanno mobilitando queste reti informali in modo più esplicito, con l’obiettivo, ad esempio, di collegare gli inquilini vulnerabili con i volontari.

L’esperienza locale dell’uragano Sandy fornisce un esempio importante sia delle possibilità che dei limiti di un momento di crisi come il presente.

“Occupy Sandy” era una struttura di soccorso spontanea e auto-organizzata in casi di disastri dopo l’uragano del 2012. Molti osservatori di sinistra hanno suggerito che Occupy Sandy abbia offerto uno scorcio prefigurativo di “comunismo del disastro“, una risposta alternativa e cooperativa ai cosiddetti disastri “naturali”.

Tuttavia, in pratica, Occupy Sandy ha funzionato in gran parte come fornitore di servizi supplementari nel vuoto lasciato dalla negligenza dello stato. Non si è mai avvicinata a diventare una formazione politica sostenuta, figuriamoci in grado di forzare le concessioni della classe dominante. Ma cosa più importante, Occupy Sandy ha dimostrato una capacità collettiva di affrontare direttamente la catastrofe. È servita come crogiolo per relazioni, progetti e spazi nel decennio successivo, compresa la stessa Woodbine.

Comprendere le eredità e le continuità del mutuo soccorso sono cruciali per agire nel momento attuale. Tuttavia, nessuno di noi ha affrontato la condizione surreale del distanziamento sociale. Cosa significa organizzarsi nella vita reale ora e quali sono le nostre aspettative di sicurezza e responsabilità?

Il dilemma del “distanziamento sociale”

Mentre si svolgono i tentativi online di mutuo aiuto, dobbiamo affrontare la questione del contatto nella vita reale e dello spazio fisico insieme ai loro dilemmi etici, medici e logistici. Pur riconoscendo l’urgenza del “distanziamento sociale”, come possiamo evitare che le misure di isolamento e di quarantena imposte dallo Stato diventino strumenti di smobilitazione politica? Cosa significa normalizzare la quarantena come condizione necessaria durante un’emergenza? E quali sono le nostre aspettative quando si tratta di avere risposte dallo stato?

Sappiamo che ci sono organizzatori esperti e di fiducia intorno a noi, e sappiamo anche che ci sono strutture organizzative e relazioni dormienti che dovranno essere rianimate e riattivate. Sappiamo che dovremo condividere le competenze e le pratiche con i gruppi in tutto il paese. Ce ne sono molti altri là fuori – a casa, online, che vogliono aiutare, fare volontariato, contribuire – con capacità, conoscenze e risorse che nessuno di noi immagina. Sarà necessario non solo provvedere ai nostri amici, ma anche ai nostri vicini e membri della comunità.

Ad un certo punto avremo bisogno di stare l’uno con l’altro di persona. Le basi per una ripresa condivisa dalle crisi attuali e future ci imporranno di guardare i volti degli altri, ascoltarne le voci e toccarne la stessa pelle. Quali saranno gli spettri del rischio e quali saranno le migliori pratiche protettive e le linee guida per l’interazione fisica quando si verificherà?

Con l’intensificarsi della crisi COVID-19, i bisogni delle persone aumenteranno e il conflitto politico diventerà inevitabile. Dobbiamo dare la priorità ai membri della nostra comunità e ai vicini che sono maggiormente a rischio, inclusi anziani, disabili, immunocompromessi, coloro che necessitano di aiuti e sostegno regolare e i senza casa. Molte organizzazioni basate sulla pratica di comunità stanno già sperimentando servizi di consegna di alimenti e forniture costruiti attraverso database online con rispettive persone e risorse.

Dobbiamo inoltre sostenere gli operatori sanitari, che saranno impegnati allungo nelle prossime settimane e che senza dubbio avranno esigenze economiche e familiari proprie. Dovremmo inoltre controllarci a vicenda per valutare le esigenze e costruire una cultura di comunicazione onesta e aperta, nonché un senso di responsabilità condivisa. Non dovremmo vergognarci o imbarazzarci nel chiederci aiuto.

Tuttavia rimangono molte domande. Dobbiamo chiederci, ad esempio, come affronteremo la distribuzione fisica delle risorse, le riunioni pubbliche e persino le mobilitazioni di strada. Sebbene molte cose rimangano incerte, sappiamo che dovremo essere solidali e imparare dai lavoratori delle industrie e dei servizi “essenziali”: infermieri e medici, ferrovieri e autisti di autobus, commessi, cuochi e addetti alle consegne, operatori sanitari e altri ancora.

Inoltre, dobbiamo mettere in discussione il modo in cui i movimenti sociali si relazioneranno a spazi e istituzioni come hotel, dormitori, condomini di lusso, scuole, chiese, musei che sono stati chiusi e lasciati liberi. In che modo questi spazi, abbandonati come gusci vuoti e funzionanti solo alla loro massima capacità, possono essere riproposti per soddisfare le esigenze collettive?

Infine, è probabile che le misure statali di “soccorso” saranno probabilmente accompagnate da forme intensificate di polizia e militarizzazione. Come possiamo affrontare questa necessità futura di autodifesa collettiva? Mentre pensiamo a tali scenari, sappiamo che questa crisi darà origine a nuove tattiche, tecniche e forme che non possiamo ancora prevedere.

Potere a livello di comunità

Qui a Woodbine, stiamo ponendo queste domande come una questione di prassi immediata mentre decidiamo come, se e quando attivare il nostro spazio come nodo infrastrutturale durante la crisi e dopo l’attuale periodo di isolamento. Tale sforzo richiederà la costruzione di relazioni e fiducia tra collaboratori in grado di valutare il rischio e la capacità loro e degli altri. Chiediamo alle persone di riflettere seriamente su queste domande e su ciò che la fase richiede.

I vicini ci hanno già contattato per iniziare a costruire una dispensa alimentare basata sui bisogni che si sono intensificati con la perdita del reddito e la chiusura delle scuole. Hanno messo insieme un elenco di suggerimenti per noi: sacchi di riso, fagioli in scatola, salsa di pomodoro, pasta, pane da congelare, sapone per le mani, burro di arachidi e gelatina, hummus, burro, cialde e sciroppo, uova, latte in scatola, zuppe in scatola, succhi e verdure surgelate, farina d’avena e cereali. I nostri amici hanno iniziato a distribuire maschere e a produrre disinfettante per le mani.

Nel frattempo, Hungry Monk, un’organizzazione di risposta della comunità locale, distribuisce prodotti freschi e gratuiti all’esterno di una chiesa locale a Ridgewood, nel Queens. Stiamo attualmente discutendo se mantenere Woodbine come sito di raccolta per le unità alimentari e di approvvigionamento, ma permangono molte incertezze. Ad esempio, cosa succede se le catene di approvvigionamento locali vengono interrotte? Il nostro approccio è prevedere la necessità futura di forniture e servizi e costruirle di conseguenza.

Ma il dualismo di potere non rimanda a un separatismo chiuso su se stesso. Poiché l’accesso al denaro e al reddito diventa sempre più incerto, anche lo stato avrà il suo approccio per gestire i costi della vita.  Vedremo un aumento dell’intervento statale e della socializzazione o la ripartizione economica e logistica richiederà lo sviluppo di attrezzature e strutture alternative e autonome? Oltre a tutto il lavoro volontario necessario per sostenerci a vicenda, dobbiamo anche testare la nostra forza facendo richieste ai nostri funzionari eletti a livello di città, stato e federale.

C’è anche una campagna, increscita, per uno sciopero degli affitti in programma per il 1 ° aprile e le seguenti rivendicazioni sono iniziate a circolare sui social media:

  • Assistenza sanitaria gratuita, test e trattamento COVID-19 per tutti.
  • Buoni alimentari universali e assenze retribuite per malattia.
  • Sospensione indefinita di mutui, affitti e pagamenti dei debiti.
  • Blocco dei pagamenti alle società di servizi pubblici, come quelli che forniscono elettricità, gas e Internet.
  • Rifugio di emergenza in hotel, dormitori e case libere per i senzatetto.

Il dualismo di potere è un processo simultuaneo di domanda e di costruzione.

Nelle prossime settimane e mesi, dovremo capire non solo come sopravvivere nella fase attuale, ma anche come sviluppare una forza che impedisca il ripristino dell’ordine fatiscente attuale. L’aiuto reciproco è solo l’inizio. L’orizzonte si estende alla costruzione di formazioni autonome in grado di sfidare il sistema politico ed economico che ci ha portato all’attuale crisi.

Mentre entriamo in primavera, le persone devono radunarsi ovunque con maschere, guanti e disinfettante in mano per perseguire l’inizio di una vita in comune.

ROAR Magazine |22.03.2020

* Woodbine è un centro sperimentale a Ridgewood, nel Queens, gestito da volontari, per lo sviluppo delle pratiche, delle competenze e degli strumenti necessari per costruire l’autonomia.

Traduzione a cura della Redazione di malanova.info

Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: