Villaggio Europa: Botta & Risposta

PUBBLICA ILLUMINAZIONE: E’ IMMINENTE LA GESTIONE DIRETTA DA PARTE DEL COMUNE DI RENDE.

L’INVITO DEL LABORATORIO CIVICO ALLA RENDE SERVIZI: E ORA “MANNA (TI)” STI LAMPADINE A VILLAGGIO EUROPA

Sulla protesta che alcuni abitanti del Villaggio Europa hanno posto in essere venerdì scorso, relativa alla mancanza di illuminazione nel quartiere, arriva immediata la risposta da parte del Laboratorio Civico: “Ricordiamo che e’ stato posto in essere la disdetta del contratto di fornitura e di assistenza con Enel Sole proprio per disservizi che interi quartieri stanno subendo. Nei prossimi giorni la manutenzione verrà affidata alla Rende Servizi. Il controllo sarà diretto ed e’ di tutta evidenza che ,su ogni tipo di criticità, si potrà intervenire immediatamente”. La nota continua con il dire che “l’amministrazione Manna è ben conscia di dover garantire i servizi primari, ma è giusto informare la cittadinanza che sono stati tanti i solleciti, ma la difficoltà di un servizio non gestito direttamente ,purtroppo, ha creato e sta creando dei ritardi anche su semplici interventi”. E veniamo alla risposta politica: “per quanto riguarda le altre polemiche su “palazzinari assessori, rimpasti e vecchie volpi” sono argomenti che il sindaco intende lasciare alla vecchia politica e a chi ,non avendo altro cui pensare, si occupa e parla vanamente di questi temi. All’amministrazione stanno a cuore i problemi veri dei cittadini e dei quartieri quali appunto, l’illuminazione, i trasporti, il servizio raccolta rifiuti, il servizio di assistenza anziani e disabili”. E ancora termina la nota: “in tal senso la rescissione di contratto con Enel Sole e il nuovo piano rifiuti ,con la raccolta porta a porta di imminente varo, rappresentano gli obiettivi perseguiti da diverso tempo e che ,finalmente, vedono una soluzione. Tra qualche giorno chiederemo alla Rende Servizi di intervenire immediatamente per risolvere il problema denunziato sia pure in modo goliardico per come viene riferito. E alla Rende Servizi siamo pronti a fare il nostro invito: e ora “Manna (ti)” sti lampadine a Villaggio Europa.

C.A.T. Villaggio Europa

Caro Laboratorio Civico, abbiamo notato ed apprezzato che avete compreso la nostra ironia e rilanciato con il nostro stesso slogan. Molto bene! L’ironia sta alla base dell’intelligenza e serve a cogliere meglio il significato più intrinseco delle cose.

Nel vostro comunicato avete annunciato, come è già capitato in passato, soluzioni rapide ai problemi ma, purtroppo, la maggior parte degli stessi rimangono a tutt’oggi insoluti, basti pensare a: illuminazione, supermercato, raccolta differenziata porta a porta, parcheggi selvaggi davanti alle scuole.

Come sapete siamo pazienti (è passato ormai un anno dall’ultimo incontro sul Quartiere) ma, adesso, pretendiamo che finalmente si realizzi quanto pubblicamente avete scritto: “è di tutta evidenza che, su ogni tipo di criticità, si potrà intervenire immediatamente”.

Se i tempi si dovessero dilatare non dite che la frase è da attribuirsi al gruppo consiliare “Laboratorio Civico” e quindi non impegna il Primo Cittadino!

Il comunicato continua con un’infelice uscita “politica”. Come dovreste sapere tutto è politica. Se apro il finestrino della mia auto e butto un fazzolettino compio un azione politica oltre che maleducata. Se parcheggio nei prati oppure decido di buttare l’umido nel cassonetto della carta, compio un atto politico oltre che incivile. Ci è molto dispiaciuto il fatto che consideriate tanti cittadini e cittadine, lavoratori e lavoratrici, mamme e padri, come persone dedite “alla vecchia politica” che “non avendo altro cui pensare, si occupano e parlano vanamente di questi temi”. Noi riteniamo che se la nostra Regione, la nostra Provincia e la nostra Città continuano a languire sempre negli ultimi posti di tutte le classifiche relative agli indicatori economico-sociali è proprio perché i cittadini hanno da tempo immemore ritenuto vero il detto: “roba in comune, jettala aru jume”. Disinteressarsi dei problemi comuni (politici) non è una virtù ma uno dei peggiori vizi.

I cittadini non devono occuparsi della Metropolitana Leggera, della composizione del Consiglio e della Giunta che li governa o delle tante altre scelte “tecniche” riguardanti, ad esempio, le materie urbanistiche, la gestione dell’acqua o quella dei rifiuti?

Riteniamo essere nostro compito primario, al contrario, giudicare chi è posto ai vertici dell’Amministrazione per servire la comunità e non per comandarla (anche questo un vecchio vizio rendese). Riteniamo che non ci possa essere un vero rinnovamento se a sedere sugli scranni della maggioranza e della giunta continuino ad esserci sempre gli stessi e ricorrenti cognomi. Riteniamo sia un errore continuare a cementificare il territorio. Sbagliamo? Forse, ma lasciateci esprimere un giudizio da cittadini liberi, senza dover ogni volta essere offesi; questo non lo possiamo permettere.

Laboratorio Civico, non ci interessa se sei bianco, rosso o verdone, ci interessa che la nostra comunità avanzi e diventi veramente un modello per tutti i calabresi e le calabresi.

Scusateci per la franchezza. Sempre pronti ad applaudire per le cose ben fatte, sempre pronti a lottare contro chi non tutela il nostro Quartiere e la nostra città.

E mo’ MANNA(TINI) STI LAMPADINE, insieme a qualche nuovo lampione, che degli altri problemi ne parliamo prossimamente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: