COMUNICATO DELL’ASSEMBLEA DELLE “MUJERES LUCHADORAS DE HONDURAS”

traduciamo il comunicato dell’assemblea delle “MUJERES LUCHADORAS DE HONDURAS”

A 11 anni dal colpo di stato, abbiamo denunciato il narcogenocidio della popolazione dell’Honduras per mano della dittatura JOH. Da quel giugno 2009, il regime continua a portarci via i compagni per toglierci la speranza e diffondere la paura, ma loro sono con noi e ci danno la loro forza.

Non dimentichiamo e non ci riconciliamo.

Siamo donne diverse di popolo, comunità e città, di tutte le età e identità politiche che costruiscono uno spazio sicuro e affidabile facendo un patto da sorelle. Combattiamo per la libertà, la vita e la speranza di recuperare e ricostruire il paese, con cibo, terra, salute, educazione, parole e acqua condivise per tutti, con la gioia e la forza della spiritualità che ci guida e invochiamo con canti, balli e tamburi garífunas, misquitos, tolupanes, lencas, pech, chortis, tawakas.

Il nostro primo incontro a Vallecito, terra liberata dal popolo Garifuna, nel 2019 ha chiarito che solo la forza e l’organizzazione, la solidarietà e la creatività ci consentiranno di sostenere la vita collettiva che sogniamo e per la quale combattiamo.

Non dovremmo aspettarci che i governi facciano qualcosa per noi come non hanno mai fatto. Questo sistema patriarcale, capitalista e razzista e la sua erronea democrazia sono un fallimento per il popolo honduregno e specialmente per le donne.

Denunciamo che la gestione di questa crisi sanitaria è una strategia politica per la smobilitazione e lo sterminio dei popoli, dei contadini e della classe operaia originari con l’obiettivo di perpetuare il progetto di espropriazione capitalista. Le misure adottate dal regime hanno avuto un impatto sui lavoratori informali e su altri che sono stati costretti a lavorare anche per paura del contagio. Siamo repressi con gas e proiettili quando denunciamo la fame e la miseria che queste misure hanno portato. I femminicidi e tutte le forme di sfruttamento e violenza sui corpi di donne e ragazze sono aumentati con il lockdown.

Crediamo che “l’apertura intelligente” sia una condanna a morte per donne e popoli perché è centrata sull’idea che il denaro è più importante della vita delle persone. La nostra proposta è per il buen vivir.

Dobbiamo continuare a rafforzare l’autonomia delle comunità e i loro processi di autodifesa che sono il cuore della nostra proposta politica. Siamo orgogliosi delle azioni di organizzazioni e comunità che affrontano questa epidemia con tenerezza e coraggio e sono esempi per tutti.

Dall’assemblea delle donne combattenti dell’Honduras abbracciamo le diverse lotte e generazioni di resistenza dentro e fuori questo paese dal colpo di stato del 2009 ai giorni nostri.

Incoraggiamo coloro che continuano a resistere dai loro vari spazi, modi e tempi in modo che non dimentichino che non siamo soli e che tutti noi aggiungiamo forza per tessere ribellioni e speranze. Dobbiamo riunirli tutti in un progetto comune di emancipazione.

Siamo feriti dalla sofferenza della gente dell’Honduras di fronte alla malattia e alla morte che stiamo attraversando, siamo indignati e arrabbiati per il disprezzo, la corruzione, le bugie e l’impunità di coloro che sono responsabili.

Sosteniamo:

La lotta antirazzista nel mondo;

Il rilascio dei prigionieri politici del Guapinol e di tutti i prigionieri politici;

La causa Berta Cáceres e la giustizia per il popolo Lenca;

La resistenza dei territori e delle comunità indigene e nere contro le minacce e gli attacchi contro la loro autonomia e per l’assassinio dei loro leader;

La lotta femminista contro le molteplici forme di violenza esercitate sui corpi delle donne e per l’autonomia delle loro vite;

L’autodeterminazione di corpi, sessualità e identità e progetti politici dissidenti all’eterosessualità;

Maquila, lavoratori domestici, sanitari e del settore informale che sono ad alto rischio di morte e repressione per l’esercizio del loro lavoro;

La difesa delle spiritualità indigene, nere, della comunità contro le aggressioni fondamentaliste;

Confidiamo negli antenati e nella saggezza dei popoli e delle donne che hanno affrontato lo sterminio per secoli e sono sopravvissuti, passando le loro conoscenze e conoscenze da una generazione all’altra.

I nostri sogni e le nostre lotte non sono messi in quarantena!

Honduras, 28 giugno 2020

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: