CUBA: «SE AVESSIMO GLOBALIZZATO LA SOLIDARIETA’ COME SI E’ GLOBALIZZATO IL MERCATO, LA STORIA SAREBBE DIVERSA»

Traduciamo il discorso di Díaz-Canel – Presidente della Repubblica di Cuba durante il vertice virtuale “Uniti contro COVID-19”, convocato dall’Azerbaigian nella sua qualità di presidente pro tempore del Movimento dei Paesi non allineati

Eccellenze:

Caro Presidente Ilham Aliyev;

Illustri capi di Stato e di governo;

Ringrazio l’Azerbaigian, Presidente del Movimento non allineato, per aver convocato questa riunione per condividere gli sforzi urgenti e necessari che ci consentono di affrontare COVID-19.
Colgo l’occasione per congratularmi con l’Uganda, che assumerà la presidenza del movimento dall’anno 2022. Assicurandoti il ​​pieno sostegno di Cuba, ti auguriamo successo nella tua amministrazione.
Devo denunciare, a causa della sua gravità, l’attacco terroristico con un fucile d’assalto e più di 30 ferite da proiettile subite dalla nostra Ambasciata a Washington il 30 aprile e richiedere al governo degli Stati Uniti un’indagine approfondita e rapida, sanzioni e misure severe e garanzie di sicurezza delle nostre missioni diplomatiche sul suo territorio, come richiesto dalla Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche del 1961.

Eccellenze:
Il movimento non allineato ha mostrato la sua rilevanza nella situazione attuale. Ciò è corroborato dai comunicati adottati a sostegno dell’Organizzazione mondiale della sanità e su COVID-19, che promuovono l’unità globale, la solidarietà e la cooperazione internazionale; chiedono la separazione delle differenze politiche e l’eliminazione delle misure unilaterali coercitive che violano il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite e limitano la capacità degli Stati di affrontare efficacemente la pandemia.

Riconosciamo il ruolo della presidenza azera del movimento non allineato nella materializzazione di queste iniziative. COVID-19 ha dimostrato di essere una sfida globale. Non distingue confini, ideologie o livelli di sviluppo. Quindi, la risposta deve essere globale e congiunta, superando le differenze politiche.

L’entità delle sue conseguenze non può essere prevista con precisione. L’elevato numero di infetti e le grandi perdite umane mostrano il suo impatto devastante in un mondo sempre più interconnesso che, tuttavia, non è stato in grado di migliorare questa interconnessione nella solidarietà e oggi paga il prezzo della sua incapacità di correggere gravi squilibri sociali. Diciamolo onestamente: se avessimo globalizzato la solidarietà mentre si globalizzava il mercato, la storia sarebbe diversa.

Mancano solidarietà e cooperazione. Sono valori che non possono essere sostituiti dalla ricerca di profitti, dalla motivazione esclusiva di coloro che, adorando il mercato, dimenticano il valore della vita umana.

Nel rivedere gli eventi che hanno messo l’umanità al limite negli ultimi quattro mesi, è essenziale menzionare i costosi errori delle politiche neoliberiste, che hanno portato alla riduzione della gestione e delle capacità degli Stati, a eccessive privatizzazioni e al dimenticanza della maggioranza.
Questa pandemia ha dimostrato la fragilità di un mondo fratturato e non inclusivo. Nemmeno il più fortunato e il più potente potrebbe sopravvivere in assenza di coloro che creano e sostengono la ricchezza attraverso il loro lavoro. Le molteplici crisi che sta generando prevedono effetti devastanti e duraturi per l’economia e tutte le sfere della società.
La pandemia aggrava i problemi urgenti di un pianeta afflitto da profonde disuguaglianze, in cui 600 milioni di persone vivono in condizioni di estrema povertà e dove quasi la metà della popolazione non ha accesso ai servizi sanitari di base, nella cui gestione il mercato si impone sopra al nobile scopo di salvare vite.

Nel frattempo, la spesa militare globale supera gli 1,9 miliardi di dollari, di cui oltre il 38%, 732 miliardi, corrispondono agli Stati Uniti d’America nel 2020.

Condivido il seguente pensiero del comandante in capo della Rivoluzione cubana, Fidel Castro Ruz: “… invece di investire così tanto nello sviluppo di armi sempre più sofisticate, quelli con le risorse per farlo dovrebbero promuovere la ricerca medica e mettere al servizio dell’umanità i frutti della scienza, creando strumenti di salute e di vita e non di morte ”.

Sosteniamo, insieme al Segretario Generale delle Nazioni Unite, la fine delle guerre, comprese le guerre non convenzionali, per salvaguardare il diritto alla pace.
Respingiamo le recenti e gravi minacce militari del governo degli Stati Uniti contro la sorella Repubblica Bolivariana del Venezuela. Riaffermiamo la nostra solidarietà con il popolo e il governo del Nicaragua e rifiutiamo le misure che violano il loro diritto al benessere, alla sicurezza e alla pace.

I tentativi di ricomporre il passato neocoloniale nella nostra America, dichiarando pubblicamente la dottrina Monroe in vigore, contravvengono alla proclamazione dell’America Latina e dei Caraibi come zona di pace. In questo scenario complesso, gli Stati Uniti attaccano il multilateralismo e squalificano ingiustamente il ruolo delle organizzazioni internazionali, in particolare l’Organizzazione mondiale della sanità.

Eccellenze:

Al XVIII vertice di Baku, nell’ottobre 2019, abbiamo chiamato a rafforzare il movimento di fronte alle sfide internazionali, convinti che solo l’unità potesse salvarci. Il movimento dei paesi non allineati deve guidare le azioni per l’eliminazione dell’insostenibile debito esterno che i nostri paesi subiscono e per l’eliminazione delle misure unilaterali coercitive a cui alcuni di noi sono soggetti, che, insieme agli effetti socio-economici di COVID- 19 minacciano lo sviluppo sostenibile dei popoli.
Dobbiamo affrontare l’egoismo ed essere consapevoli che gli aiuti dal Nord industrializzato saranno scarsi; Ecco perché dobbiamo completarci a vicenda, condividere ciò che abbiamo, supportarci a vicenda e imparare dalle esperienze di successo. Un’opzione utile potrebbe essere quella di riprendere in futuro le riunioni annuali dei ministri della sanità del movimento non allineato, nel quadro dell’Assemblea mondiale della sanità.

Cuba è disposta a condividere le sue esperienze con i paesi del Movimento, a cui siamo legati da legami storici di amicizia. Per Cuba, la sfida è stata enorme. Mesi prima dello scoppio della pandemia di COVID-19, stavamo già affrontando una brutale escalation della politica di blocco economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti, volta a strangolare completamente il nostro commercio, l’accesso ai carburanti e ai cambi.

Con enormi sforzi e sacrifici siamo riusciti a sostenere in queste condizioni il sistema sanitario pubblico universale, gratuito e di professionisti altamente qualificati e consacrati, riconosciuti in tutto il mondo nonostante le campagne maleducate e diffamatorie di discredito di potenti avversari. Nel mezzo di questo soffocante contesto di guerra economica, apparvero i primi segnali di avvertimento sulla possibilità che COVID-19 diventasse una pandemia e che aumentasse l’entità delle sfide.

Immediatamente, è stato redatto un piano di misure, basato sulle nostre forze fondamentali: uno Stato organizzato, responsabile di garantire la salute dei suoi cittadini e una società con un alto grado di partecipazione al processo decisionale e alla risoluzione dei suoi problemi. Il lavoro di anni dedicati alle risorse per sviluppare e rafforzare la salute e la scienza è stato messo alla prova e l’evoluzione della pandemia a Cuba negli ultimi due mesi sta dimostrando quanto le politiche di investimento sociale possono avere un impatto importante nell’affrontare le sfide più grandi e inaspettate.
Nonostante le immense restrizioni imposte a noi dal prolungato blocco economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti, che rendono il mantenimento del sistema sanitario pubblico e, in particolare, affrontare questa pandemia, una grande sfida quotidiana, abbiamo garantito il diritto alla salute del popolo cubano con la partecipazione di tutta la società.

Lo sviluppo scientifico ci ha permesso di trattare con successo diverse malattie trasmissibili, sia nel paese che in altre nazioni. In questa occasione, l’industria farmaceutica ha intensificato la produzione di farmaci di comprovata efficacia nel prevenire e affrontare COVID-19, che abbiamo condiviso con altri paesi.
In risposta alle richieste ricevute, 25 nuove brigate di professionisti della salute cubani si sono unite agli sforzi di 23 paesi per combattere la pandemia nell’ultimo mese, unendosi a quelli già in servizio in 59 Stati, molti dei quali membri del Movimento dei paesi non allineati.

Cuba non abbandonerà la sua vocazione alla solidarietà, sebbene il governo degli Stati Uniti, per motivi politici, continui ad attaccare e ostacolare la cooperazione internazionale che il nostro Paese fornisce, che mette a rischio l’accesso di decine di milioni di persone ai servizi sanitari.

Eccellenze:

È nostra responsabilità unire le volontà e gli sforzi per affrontare questa immensa sfida.
Promuoviamo la cooperazione e la solidarietà internazionale. Gli sforzi di tutti saranno decisivi.
Facciamolo per il diritto alla salute, alla pace e allo sviluppo dei nostri popoli, con la stretta aderenza ai principi fondanti del Movimento.

Facciamolo per la vita!

Grazie mille

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: