UN TOP MANAGER IN TRE GIORNI DEL 2020 HA GIA’ GUADAGNATO QUANTO UN LAVORATORE MEDIO IN UN ANNO

I top manager nel Regno Unito hanno già guadagnato nel 2020, dopo soli tre giorni lavorativi, l’equivalente della retribuzione media annuale di un dipendente, a dimostrazione delle enormi disparità di reddito nel Paese. Lo rivela uno studio a cura di due centri di ricerca.

In media, l’amministratore delegato di un gruppo appartenente all’indice di Borsa Ftse 100, che comprende le maggiori capitalizzazioni del Regno Unito, guadagna 117 volte di più dello stipendio medio, secondo i calcoli dell’High Pay Centre e del Chartered Institute of Personnel and Development (Cipd).

Secondo gli ultimi dati disponibili, un dipendente britannico ha guadagnato 29.559 sterline (34.752 euro) nel 2018, cifra raggiunta in tre giorni da un capo azienda, che ha ricevuto 3,46 milioni di sterline sull’intero anno, equivalenti a 901,30 sterline all’ora.

Questo giorno è tradizionalmente chiamato “Fat Cat Day” o “giorno dei pezzi grossi” da coloro che denunciano le disparità di remunerazione nelle grandi aziende britanniche.

Nel report, i due centri di ricerca stimano che il tema degli alti guadagni sarà uno dei principali del 2020. Sarà il primo anno in cui le aziende britanniche con più di 250 dipendenti saranno obbligate a rivelare il divario retributivo tra i ceo e i dipendenti medi. “La pubblicazione delle cifre è solo l’inizio. Le aziende devono spiegare e giustificare gli altissimi livelli di retribuzione dei loro dirigenti”, afferma Peter Cheese, direttore generale del Cipd.

Marco Bersani (Attac Italia)