Per tutelare la salute, il territorio e le imprese locali, la Regione adotti subito una strategia di uscita.

I Lucani sono consapevoli che le estrazioni petrolifere in Basilicata stanno compromettendo la salute, il territorio e le economie locali. In particolare in questi giorni di emergenza Covid, nei quali la riduzione del prezzo del petrolio ha ridotto all’osso le già misere royalties che le compagnie petrolifere riconoscono alla Basilicata. Il segnale arriva dalle oltre 10.000 firme raccolte dall’Associazione Antinucleare ScanZiamo le Scorie attraverso la piattaforma Change.org nella quale si chiede alle Istituzioni di intraprendere una moratoria di chiusura delle attività estrattive sul territorio della Basilicata per adottare una strategia di uscita dalle fossili.

Mentre gran parte della penisola nei giorni di lockdown pur nel dramma del momento, ha potuto ammirare immagini (purtroppo oramai inedite) della natura che si è riappropriata dei suoi spazi, in Basilicata nel silenzio generale vediamo sempre le stesse immagini: fiammate dai centri oli nel quale il greggio viene lavorato e morie di pesci. Il tutto senza alcun riscontro da parte delle Istituzioni e degli organi di controllo. L’osservatorio e le attività di monitoraggio che devono garantire la trasparenza su queste attività al momento non sono ancora funzionali.

Alla già drammatica situazione si aggiungono le conseguenze che con molta probabilità deriveranno dalla modifica in corso al quadro regolatorio in materia di radioattività, il quale sembra comportare una riduzione della protezione della popolazione e conseguentemente un aumento dei rischi che minano la salute pubblica, così da favorire, in particolare le attività coinvolte con la radioattività, come quelle petrolifere. Motivo per il quale abbiamo scritto nei giorni scorsi al Ministro Roberto Speranza e tutti i Parlamentari Lucani.

Non ci rassegneremo, a maggior ragione in questo periodo di profonda crisi per il nostro Paese, al petrolio che genera solo “sviluppo distorto” senza creare ricchezza per le imprese locali, dichiara Pasquale Stigliani portavoce dell’Associazione. Siamo coscienti che le compagnie petrolifere stanno sfruttando il creato della nostra Terra solamente per fare profitti. Sfruttano il capitale naturale della Basilicata, compromettono l’utilizzo dell’acqua e di altre preziose risorse del territorio, fondamentali per tutelare la salute, l’ambiente e per sostenere la crescita e il progresso dell’economie locali del settore turistico, e agricolo e culturale.  

Prima che sia troppo tardi ed ora che l’economia del petrolio non può garantire nessuna certezza sulle royalties per il futuro, sostiene Stigliani, le Istituzioni aumentino i controlli su tali attività e coinvolgano i cittadini, le associazioni e le imprese per individuare una strategia di uscita del petrolio dalla Basilicata. Alcuni lo hanno già fatto. Basta volerlo! Può farcela anche la Regione Basilicata che non ha altra strada.

Ass. Antinucleare ScanZiamo le Scorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: