SECCO IL GRANDE PIOPPO: L’ALBERO PIU’ LONGEVO DI PRAIA A MARE

Per il Grande Pioppo di Via F. Turati, l’albero più longevo di Praia a Mare, messo a dimora intorno al 1850, che aveva attraversato indenne la storia di Praia e gli avvenimenti di questi ultimi 170 anni, che era giunto fino a noi con tutta la bellezza delle sue possenti branche e il tronco intatti e maestosi, capace di accompagnare le vicende di questo paese per chissà quanto tempo ancora, che Italia Nostra aveva candidato per essere designato quale albero monumentale, nel corso del 2017 è iniziata la sua sciagurata tortura, prima con il taglio di alcune grandi radici a seguito della realizzazione del parco giochi, poi con una potatura devastante e dissennata che ha ridotto la sua chioma ai minimi termini, e trasformato le sue lunghe branche in scheletri di un manichino informe, distruggendone valore e bellezza.

Ora quello che avevamo previsto si è puntualmente verificato: una delle sue quattro branche a seguito dei tagli subiti è seccata: è l’inizio ormai della sua lenta ma inesorabile fine.

Ciò che non ha potuto il tempo ha potuto la spietatezza umana.

L’ignoranza, l’incompetenza deleteria , l’assoluta mancanza di cultura e sensibilità ambientale hanno prevalso qui come sempre.

Coloro che si sono resi responsabili di tale trattamento vergognoso nei confronti di questo che era un meraviglioso e prezioso esempio di monumento naturale vivente della cittadina di Praia a Mare meritano tutta la riprovazione, il biasimo e la condanna dei cittadini che amano il verde, la natura, le piante e il rispetto dell’ambiente.

Italia Nostra – Sezione Alto Tirreno Cosentino