BENI COMUNI: linguaggio, politica, economia

I “BENI COMUNI” STANNO DIVENTANDO UNA PRESENZA COSTANTE NEL LINGUAGGIO, POLITICO, ECONOMICO DEI NOSTRI TEMPI. Sinistra e destra, neoliberisti e neokeynesiani, conservatori e anarchici utilizzano il concetto nella loro propria accezione politica. Persino la consigliera Barbara Blasi,dell’Udc, propone, per il Comune di Rende, di adottare un “Regolamento dei Beni comuni”, mentre “esperti di studi di beni comuni” si aggirano tra […]

Continua a leggere

Operazione STIGE: “non vogliamo morire a norma di legge!”

Con l’operazione STIGE si ricalca la storia degli ultimi decenni. Nulla di nuovo sotto il sole. I movimenti e le associazioni ambientaliste denunciano preventivamente i danni che subirà il territorio a causa di operazioni scellerate e avallate da accordi tra classe politico/partitica e imPrenditoria criminale. Successivamente, a danno effettuato, la magistratura scopre che le facili profezie si sono verificate. Questa […]

Continua a leggere

#DecidiamoNoi: “Simu muru e muru cu ru ‘spitale”

Ieri a Rende un Consiglio Comunale voluto dai consiglieri di minoranza su diversi punti di centrale importanza per la città. Ci soffermiamo sul primo: Sanità. Confrontiamo le posizioni: Amministrazione 11 Oppositori Movimento 5 Stelle #DecidiamoNoi W l’Ospedale Pubblico che si faccia a Rende in zona Università W l’Ospedale Pubblico che si faccia a Rende in zona Università. Il Sindaco nel […]

Continua a leggere

DecidiamoNoi: “I sordi fannu venì a vista ari cicati”

“I sordi fannu venì a vista ari cicati”, questo il detto popolare che mostra come il denaro possa fare “miracoli”, possa far accantonare tutte le riserve morali. “U fannu tutti, mo propriu io?”. Non importa se la mia condotta significa l’inquinamento irreversibile di vaste aree, se in quelle terre contaminate si continua a coltivare immettendo sul mercato prodotti alimentari dannosi, […]

Continua a leggere

DOSSIER LEGNOCHIMICA (5): fine della storia

2001: l’inizio della fine Nonostante inizino i primi sospetti di inquinamento del territorio, nel 2001 l’ufficio del Commissario regionale per la gestione dei rifiuti concede a Legnochimica l’autorizzazione a ricoprire la vasca n° 8 con materiale inerte di scarto e di risulta, non tenendo conto della contaminazione della falda acquifera profonda. Gli otto bacini artificiali (detti “laghetti”) venivano utilizzati per […]

Continua a leggere

DOSSIER LEGNOCHIMICA (4): Crisi o strategia aziendale?

del Coordinamento Territoriale #DecidiamoNoi DOSSIER LEGNOCHIMICA (3): il gruppo in Calabria DOSSIER LEGNOCHIMICA (2): Un’azienda, mille nomi DOSSIER LEGNOCHIMICA (1): Per un cambio di marcia e direzione Crisi di mercato o strategia aziendale? Come descritto nell’interrogazione, già dagli anni ‘80, quindi, nonostante i cospicui contributi statali, la Legnochimica entra in “crisi”. Il mercato del tannino è da tempo in picchiata […]

Continua a leggere

DOSSIER LEGNOCHIMICA (3): il gruppo in Calabria

DOSSIER LEGNOCHIMICA (1): Per un cambio di marcia e direzione DOSSIER LEGNOCHIMICA (2): Un’azienda, mille nomi del Coordinamento Territoriale #DecidiamoNoi La Legnochimica nasce come azienda specializzata nell’attività storica del gruppo guidato dalla famiglia Battaglia, ovvero l’estrazione del tannino dal legno affiancata dalla produzione di pannelli attraverso la lavorazione del legno detannizzato. La storia della Legnochimica non è molto dissimile da […]

Continua a leggere

DOSSIER LEGNOCHIMICA (2): Un’azienda, mille nomi

leggi anche DOSSIER LEGNOCHIMICA (1) del Coordinamento Territoriale #DecidiamoNoi Seguendo le evoluzioni nel tempo del gruppo, abbiamo visto come ad ogni cambiamento produttivo è seguito un cambiamento della ragione sociale. Una lunga teoria di fusioni, accordi, chiusure, fallimenti e inaugurazioni. Spessissimo il fallimento di un ramo coincide con un forte investi- mento in un altro. Da una parte cassa integrazione, […]

Continua a leggere

DOSSIER LEGNOCHIMICA (1): Per un cambio di marcia e direzione

di Coordinamento territoriale #DECIDIAMONOI L’inquinamento dell’area ex-Legnochimica di Rende (Cs), in Calabria, era stato sostanzialmente certificato nel 2010. L’indagine però non era stata completata per carenza di fondi. La perizia redatta dall’attuale rettore dell’Università della Calabria, Gino Mirocle Crisci, non era dunque riuscita a valutare a pieno il livello dell’inquinamento della zona industriale rendese. Con l’autocombustione dei terreni ex-Legnochimica nel […]

Continua a leggere

Legnochimica: attendiamo i documenti ufficiali!

Apprendiamo che finalmente la Regione darà udienza al Comune di Rende per parlare del percorso che porterà, ci auguriamo, alla Bonifica del sito della ex Legnochimica. Non è mai troppo tardi anche se sono passati “solo” una decina di anni dalla chiusura dello stabilimento! Abbiamo denunciato più volte l’assoluta staticità dell’Assessorato all’Ambiente della Regione Calabria e la complicità delle istituzioni […]

Continua a leggere

Per la Legnichimica aspettiamo il prossimo incendio?

Sulla questione Legnochimica è notte fonda. Questa volta la pausa estiva, arrivata subito dopo i roghi, non è riuscita a far spegnere la nostra attenzione e la nostra indignazione per un dramma che va avanti ormai da troppo tempo. Le contorsioni burocratiche e i muri alzati dalla proprietà non hanno permesso di arrivare alla bonifica delle vasche stracolme di inquinanti […]

Continua a leggere