NICOLETTA DOSIO: QUALCUNO AVEVA DUBBI CHE SAREBBE FINITA COL SÌ DEL GOVERNO PENTALEGHISTA AL TAV IN VALSUSA?

Qualcuno aveva dubbi che sarebbe finita col Sì del governo pentaleghista al TAV in Valsusa? 
Dopo il Sì dello stesso a tutte le grandi male opere che, in ogni parte del paese, stanno già devastando ambiente e lavoro, anche i più illusi elettori pentastellati (in Valle davvero tanti…) hanno da tempo rinunciato alle certezze.
Il premier Conte, archiviata l’analisi costi-benefici che certificava l’insostenibilità economica dell’opera, annuncia un “aumento dei contributi europei“ e decreta, a nome del governo, il via libera alla Torino.Lyon, rimandando al Parlamento (cioè al partito trasversale degli affari da sempre favorevole all’opera) la ratifica definitiva.
Ma trent’anni di lotta popolare non possono finire così: i costi non solo economici, ma ambientali e sociali, mai entrati nel computo costi-benefici, ma già ora pesantissimi, devastanti per il futuro , noi non siamo disposti a pagarli né a farli pagare a chi verrà dopo di noi.
Amiamo questa terra che la lotta ha reso più che mai nostra; e non siamo soli, perché con noi c’è chi, in ogni parte del mondo, si ribella ad ingiustizie sempre più intollerabili.
Siamo pronti a resistere ancora, sempre: il conflitto contro l’intollerabilità del sistema non ci fa paura.
Non abbiamo altro da perdere se non le nostre catene, ma abbiamo un mondo intero da conquistare.

Nicoletta Dosio