Reggio C.: Ancora in piazza per il diritto alla casa

Ancora in piazza per il diritto alla casa. A dare appuntamento per giorno 11 ottobre a Piazza Italia sono  le associazioni ed i movimenti riuniti nell’Osservatorio sul disagio abitativo – Un Mondo Di Mondi, CSOA A Cartella, CSC Nuvola Rossa, COSMI, Ass Territorialisti –   insieme a Reggio Non Tace e Collettiva Autonomia,  aderendo  all’iniziativa nazionale SFRATTI ZERO,  promossa da  Unione Inquilini.

L‘obiettivo dell’iniziativa è  sollecitare  il Comune per l’attivazione di una  politica strutturale degli alloggi popolari, a garanzia del diritto fondamentale alla casa.

Le associazioni ed i movimenti invitano le persone in condizioni di bisogno abitativo a partecipare all’iniziativa di giorno 11 ottobre, perché solo uniti si possono ottenere obiettivi concreti.

Il presidio costituirà un’azione collettiva, promossa da molte famiglie alle quali  il diritto alla casa è stato  negato.  Ma tutta la cittadinanza  è chiamata a sollecitare una politica  abitativa efficace  e l’ utilizzo delle  risorse esistenti ad oggi destinate ad altri fini.

Per l’Amministrazione comunale di Reggio Calabria la garanzia del diritto alla casa secondo meccanismi ben strutturati non sembra essere una priorità. Sulla politica abitativa generale, a parte gli interventi positivi di tipo emergenziale  dell’ex Polveriera e della Caserma Duca D’Aosta,  in 4 anni sono state realizzate solo attività preliminari,  servite a prendere tempo.

Il nuovo dirigente del settore Erp, Dr Daniele Piccione, in carica dal  primo ottobre, dovendo dirigere    un numero di settori minore rispetto al suo predecessore, potrebbe concentrare la sua azione sul settore ERP per mettere a sistema le azioni necessarie; il gruppo di lavoro che ha ben operato per l’ex Polveriera e la caserma Duca D’Aosta potrebbe essere impegnato a tal fine. Al di là dei possibili sviluppi positivi, fino ad oggi, le azioni necessarie ad una politica abitativa strutturale non sono state mai completate, piuttosto sono state portate a termine  attività  di segno opposto.

In 4 anni il  Comune non ha realizzato  le  verifiche sui circa 7000 alloggi popolari (comunali ed Aterp) esistenti a Reggio Calabria che, secondo la legge vigente,  permetterebbero  il recupero di qualche centinaio di alloggi da assegnare alle famiglie vincitrici del bando, a quelle in emergenza abitativa e per l’effettuazione dei cambi alloggio.  Il Comune non ha provveduto ad effettuare le azioni di manutenzione degli alloggi non avendo utilizzato i fondi derivanti dai canoni e dalle vendite degli alloggi.

Nel 2016 il Comune ha invece provveduto (prima con delibera di Giunta  e poi di Consiglio Comunale)  a stornare per altri interventi ben 11 milioni di euro del Decreto Reggio destinati a realizzare nuovi alloggi, negando in questo modo la casa a circa 160 famiglie.

Il Comune e l’Aterp continuano a portare avanti  la  vendita degli alloggi erp, senza effettuare nessun  piano di acquisto di nuovi alloggi,  anche se questo  si potrebbe realizzare  facilmente grazie alle migliaia di unità immobiliari vuote esistenti nella città.  È evidente quindi il programma di dismissione progressiva del patrimonio ERP e   l’ inesorabile demolizione  del welfare abitativo, a discapito della garanzia del diritto alla casa per le famiglie in disagio abitativo.

E’ quindi urgente e indispensabile  unire le forze: l’11 ottobre  famiglie, associazioni e movimenti facciano ancora una volta sentire la propria voce per  il diritto fondamentale  alla casa.

Reggio Calabria, 8 ottobre 2018

Osservatorio sul disagio abitativo

Un Mondo Di Mondi  

 -Cristina Delfino

–  Giacomo Marino

CSOA  Angelina   Cartella

Società dei Territorialisti/e Onlus

Centro Socio Culturale Nuvola Rossa

Comitato Solidarietà Migranti

Reggio Non Tace

Collettiva AutonoMia

Lascia un commento