CROLLO 13 CANALI. OCCHIUTO E OLIVERIO FACCIANO LA LORO PARTE.

Cosenza, sabato 21 gennaio, palazzine popolari di proprietà Aterp, zona 13 canali, in un appartamento crolla il solaio, nessun ferito ma tragedia sfiorata.
I vigili urbani hanno posto i sigilli all’abitazione, sgomberando la famiglia, che si trova provvisoriamente ospite in un albergo cittadino.

16178542_600697650102427_5480985127144504426_o

La sciagura che si è sfiorata ieri è la diretta conseguenza di ciò che denunciavamo negli ultimi mesi portando avanti una campagna in cui chiedevamo conto della sparizione dei fondi ex-Gescal, milioni destinati, tra le altre cose, alla manutenzione degli alloggi popolari.
Nella nostra città migliaia di inquilini delle case popolari, vivono il dramma della mancanza di manutenzione.
Stabili vecchi, la palazzina di cui sopra è stata costruita alla fine degli anni ’50, ai limiti della vivibilità.

16196010_600697643435761_7882372202726992832_n

L’assessore regionale Musmanno, ancora non si è degnato di pubblicare integralmente la ricognizione dei fondi: come e dove sono stati spesi questi fondi. Cosa aspetta? Romperà il suo assordante silenzio?

Dietro a tutto ciò ci sono responsabilità politiche chiare da ricercare all’interno della cittadella: Aterp e Regione Calabria.

Davanti a questa situazione non si può tacere e rimanere inermi. Il commissario Mascherpa non può nascondersi, serve un intervento immediato che scongiuri il verificarsi di altre situazioni di questo tipo, garantendo l’incolumità alle famiglie assegnatarie di alloggi Aterp, su tutto il territorio regionale.

Oliverio faccia una variazione di bilancio e metta in condizione l’Aterp unica regionale di effettuare tutti i lavori (sicurezza, riqualificazione, rimozione amianto ecc.) che il patrimonio dell’ente necessita. Come anche tutti gli altri immobili dell’ente Regione, uno su tutti i capannoni dell’ex officine FdC di Cosenza.

Occhiuto faccia il suo, non può lavarsi le mani anche se la questione non è di sua stretta competenza. Questa famiglia rimarrà per 5 anni in emergenza abitativa come prospettato dal nuovo bando comunale?
Mentre si continuano ad elargire permessi per la cementificazione selvaggia del territorio, riesce il nostro sindaco a mettere in piedi politiche strutturali per quanto di sua pertinenza ?

La questione abitativa è assolutamente centrale in questa regione, basta osservare i dati su sfratti esecutivi, richiesta di casa popolare e sussidio per fitto casa ed altre inutili prebende.
Le istituzioni non tentino di trincerarsi dietro l’alibi della mancanza di fondi, non vi crede più nessuno, gli strumenti per intervenire ci sono tutti.

E’ una questione di priorità politiche!

Prendocasa Cosenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *