Comunicato Prendocasa su incontro con dirigente Aterp

Dopo la giornata di mobilitazione del comitato PrendoCasa che lunedì scorso ha presidiato gli uffici dell’Aterp di Cosenza, strappando alla fine un incontro con un dirigente regionale,  stamattina, venerdì 13 maggio una delegazione è stata ricevuta dal neocommissario dell’Aterp regionale Ing. Mascherpa e dall’Ing. D’Ambrosio.
Durante l’incontro Mascherpa ha parlato della riorganizzazione dell’Aterp che sono state accorpate in un unico polo regionale organizzato per distretti, prendendo le distanze dall’operato delle passate gestioni. Incalzato sulla questione dei fondi Ex Gescal, e più in generale delle risorse per l’emergenza abitativa, ha sottolineato che la ricognizione avviata è in dirittura d’arrivo rimandando alla chiusura della stessa una più puntuale rendicontazione.
Si è discusso anche dell’obsolescenza dell’attuale legge Regionale, la n. 32 del 96, rispetto alle mutate condizioni socio-economiche. Su questo aspetto ha illustrato brevemente le intenzioni degli enti i quali, in attesa del testo unico sull’erp, emenderanno alcuni articoli che al momento ingessano il bisogno casa nei tempi burocratici dei bandi. Ha parlato, infatti, di un Testo Unico sull’Edilizia Residenziale Pubblica sul quale, pare, stiano lavorando, dove sen’altro l’aspetto più interessante che abbiamo potuto cogliere è rappresentato dalla possibilità di presentare la richiesta “a sportello”, quindi in maniera permanente anzichè i bandi ogni 5/10 anni. Dall’incontro è uscita la promessa dell’apertura di un tavolo permanente che dovrebbe prendere il via nelle prossime settimane presso la sede dell’assessorato regionale ai lavori pubblici.

Staremo a vedere, ma non ad aspettare in eterno, se le belle parole ed intenzioni registrate oggi si trasformeranno in fatti concreti, altrimenti saremo pronti a dimostrare, con le pratiche che da sempre contraddistinguono il nostro agire, che non si puó giocare sui bisogni della gente, certi come siamo che i diritti si conquistano a spinta e non per misericordiosa intercessione di qualche politico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *